Comparatori di prezzi online: mercato più aperto dopo la multa a Google

18 Giugno 2018 5

In Europa migliora la concorrenza nel settore dei comparatori di prezzi: lo dice Margrethe Vestager, a distanza di quasi un anno dalla multa record di 2,4 miliardi di euro inflitta a Google. Naturalmente non è la multa in sé la responsabile, ma le modifiche che il colosso di Mountain View è stato costretto ad apportare al suo servizio Google Shopping. Durante una riunione parlamentare, la direttrice dell'Antitrust europeo ha dichiarato:

Le cifre più recenti mostrano che almeno un rivale compare in circa un terzo dei nuovi box di acquisto, in confronto al 15 per cento di marzo. [...] Analogamente, lo share di click di prodotti rivali nei box di acquisto di Google è aumentato dal 2,5 per cento di febbraio all'attuale 6,1 per cento. È ancora presto per trarre conclusioni definitive. Continueremo con la sorveglianza attiva e manterremo aperto il dialogo con tutti i protagonisti del mercato.

Ed è proprio dalle lamentele degli "altri" protagonisti del mercato che si è ritenuto necessario fare il punto della situazione. I rappresentanti di società come Kelkoo e Foundem, l'obiettivo del mercato a condizioni eque per tutti è ancora distante.


5

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Yari da Novara

Pagomeno (price spy sarebbe la versione UK)

mruser2

Sono indinniato e condivido

~benzo

Mo

One like = one prayer!!

IlNonno

una multa da 100 miliardi alla merd@ di facebook NO!

Amazon Fire TV Stick e Cube, guida all'acquisto: modelli, differenze e prezzo

Garmin Venu Sq ufficiale: cambia la forma, non la sostanza | Video

Le 5 migliori cuffie over ear da acquistare a ottobre 2020

Guida a Google Assistant: come configurarlo e usarne tutte le potenzialità