RECENSIONE Fitbit Versa: manca solo il GPS

02 Maggio 2018 171

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Quando parliamo di wearable è davvero difficile non pensare a Fitbit. Si tratta senza ombra di dubbio di una delle aziende più note in questo settore e, probabilmente, anche una di quelle presenti da più tempo in questo mercato. Diversi sono i prodotti Fitbit di cui si ricorda il nome perché davvero ben riusciti come, invece, ce ne sono altri che hanno lasciato un ricordo decisamente meno positivo.

Uno su tutti è stato l’ultimo Ionic, annunciato in pompa magna in quel di IFA lo scorso anno, arrivato qualche tempo dopo sul mercato con un prezzo forse un po’ troppo elevato e, come se non bastasse, anche con qualche peccato di gioventù. Dopo diversi aggiornamenti e un calo di prezzo notevole (259 euro contro i 349 iniziali), ora è un prodotto sicuramente più appetibile ma rischia seriamente di passare prematuramente in secondo piano a causa del nuovo Versa di cui vi parlo in questa recensione.

MI RITORNI IN MENTE…

Possiamo tranquillamente affermare che questo Versa è il primo prodotto dell’azienda californiana a ricordare abbastanza da vicino uno dei prodotti Pebble, marchio acquisito proprio da Fitbit alla fine del 2016. Un anno e mezzo quindi, tanto tempo è stato necessario affinché potessimo finalmente vedere realmente i frutti di questa acquisizione. E li vediamo in un prodotto che esteticamente riprende un pochino quelle che erano le forme di uno dei prodotti Pebble Più famosi, ovvero Time.

La cassa in alluminio è quadrata, e al suo interno troviamo il display inserito in una cornice nera abbastanza spessa ma comunque non fastidiosa alla vista. Sui lati abbiamo i tre tasti fisici che servono per navigare nell’interfaccia, saldamente integrati all’interno della scocca e azionabili con un quantitativo di forza consono.


Indossato, il Versa risulta molto comodo. Lo spessore è contenuto, solo 11.2 mm, e le altre dimensioni (39x39 mm) sono tali da rendere questo smartwatch adatto anche ai polsi più piccoli. Dalla parte di chi lo indossa anche il peso che, escludendo il cinturino, ammonta a solo 38 grammi. Nella versione standard il cinturino in confezione è in silicone ma esiste una Special Edition (che vedete al nostro polso), nella cui confezione troverete anche un cinturino in pelle. In ogni confezione il cinturino è comunque presente in due misure, ovvero S e L.

Oltre a questi, in commercio si trovano poi tutta una serie di altri cinturini in pelle, maglia metallica o maglia milanese che permettono di personalizzare il proprio Versa a seconda delle occasioni.

Tra le caratteristiche fisiche non possiamo dimenticare nemmeno l’impermeabilità con un grado di resistenza che rende possibile l’immersione dello smartwatch fino a 50 mt di profondità.


Per concludere questa carrellata riguardante l’aspetto estetico e le caratteristiche fisiche, nella parte posteriore troviamo il sensore per il riconoscimento del battito cardiaco e per il rilevamento della saturazione dell'ossigeno del sangue, insieme ai pin che servono per collegare lo smartwatch alla base di ricarica.

DISPLAY

Il display è sicuramente uno dei punti di forza di questo Versa. Certo non sarà l’OLED di alcuni prodotti della concorrenza ma questo piccolo pannello LCD da 300x300 pixel sa bene come difendersi. I colori sono brillanti e la luminosità, secondo quanto dichiarato da Fitbit, raggiunge un picco massimo di 1000 nit.

Ora, non abbiamo potuto verificare se effettivamente lo smartwatch sia in grado di raggiungere questo valore ma possiamo comunque assicurarvi che non avrete alcun problema a leggere le informazioni a schermo anche sotto la luce diretta del sole.

Rispetto a Ionic è migliorato anche il tempo di risposta del touchscreen, ora praticamente istantaneo e completamente privo di lag, sicuramente una gestione molto più fluida.

FUNZIONI FITNESS

Appurato che lo scopo principale di questo di questo Versa è accompagnarci durante la giornata e offrire consigli per condurre uno stile di vita sempre migliore, uno dei punti di maggiore interesse nell’analisi del prodotto è legato al tracciamento dell’attività fisica. Proprio in relazione a ciò, Fitbit ha voluto dotare questo modello di tutte le funzioni che già erano a bordo di Ionic, con una sola, importante, differenza. Su Versa manca il modulo GPS.

Una mancanza che si fa sentire soprattutto per le attività di corsa e bici, per le quali occorrerà necessariamente portare con sé lo smartphone nel caso in cui si necessiti del tracciato alla fine dell’attività svolta, o si vogliano indicazioni in tempo reale sulla velocità e sul passo.

Presa coscienza di questo difetto, che assumerà dimensioni differenti a seconda della destinazione d’uso, per il resto non possiamo che fare i complimenti a Fitbit. Pre-installate troviamo già le applicazioni per tracciare 7 tipologie di attività differenti, ovvero: corsa, nuoto, bicicletta, tapis-roulant, pesi, allenamento a intervalli di tempo e una funzione generica chiamata semplicemente esercizi, utile a tenere traccia del tempo passato in movimento e delle calorie bruciate, qualsiasi sia l’attività che stiamo svolgendo.


Ovviamente una volta selezionata una data attività il nostro orologio farà in modo che sullo schermo vengano visualizzate informazioni differenti a seconda di quanto necessario. Ad esempio, se selezioniamo l’attività corsa, il display mostrerà il tempo trascorso dall’inizio dell’attività, la velocità e, se connesso allo smartphone, la distanza percorsa. Selezionando il nuoto, invece, verrà indicato il numero delle vasche, i metri effettuati e il tempo trascorso.

Alla fine di ogni attività viene invece mostrato un veloce riepilogo di tutti i dati raccolti. Queste schermate di riepilogo risultano particolarmente utili per comprendere con una veloce occhiata se ci siano stati miglioramenti o meno rispetto alle performance precedenti. Ovviamente, come per i dati mostrati durante l’attività, anche qui, i parametri differiscono in base all’attività svolta.

Particolare funzione è quella di riconoscimento automatico dell’attività che permette di fermare in automatico il rilevamento se ci prendiamo una pausa, per poi ricominciare a rilevare la nostra corsa, camminata, pedalata o nuotata non appena riprendiamo il movimento.


Una funzione che svolge molto bene il suo lavoro e che ci permette di effettuare un allenamento senza dover sempre guardare il tempo trascorso tenendo conto delle pause o dei momenti di riposo. Grazie al rilevamento automatico, infatti, Versa calcola solo il tempo effettivo in movimento.

Non manca ovviamente nemmeno il tracciamento del sonno, per cui Fitbit ha sempre avuto un occhio di riguardo. Grazie all’azione combinata del sensore per il rilevamento del battito cardiaco e dei sensori di movimento, il nostro smartwatch è in grado di dare un giudizio sulla qualità del nostro sonno, che potrà essere più o meno profondo.

Una volta svegli sarà poi possibile avere, tramite l’app Fitibit sullo smartphone, un riepilogo di come abbiamo passato la notte con un grafico molto dettagliato che indicherà il tempo passato nelle varie fasi del sonno: REM, leggero o profondo.

AUTONOMIA

Uno degli aspetti più importanti quando andiamo a parlare di dispositivi come gli smartwatch è senza dubbio l’autonomia.

Per questo Versa, Fitbit dichiara una durata leggermente inferiore a quella di Ionic che si attestava intorno ai 5 giorni di utilizzo. E possiamo affermare che effettivamente la stima fatta dall’azienda ci è parsa più che realistica.

Dopo diversi giorni di utilizzo possiamo tranquillamente affermare che con questo Fitbit Versa si raggiungono senza problemi i 4 giorni, ma anche 4 giorni e mezzo di autonomia, utilizzato tutto il giorno, compresa la notte, e con rilevamento del battito cardiaco H24 e notifiche di mail e chiamate sempre attive.

Ovviamente la situazione cambia se inseriamo in queste ore di utilizzo dell’attività fisica con annesso tracciamento. In questo caso, a seconda della durata dell’attività fisica l’autonomia può variare anche di molto. Considerate che con una corsa di circa un’ora l’autonomia si riduce a 3 giorni di utilizzo.

La ricarica poi è abbastanza rapida. Per caricare completamente lo smartwatch con la basetta di ricarica offerta in confezione e un caricatore da parete standard con uscita a 1.5 A occorrono infatti circa due ore.

SOFTWARE E APPLICAZIONE

Abbiamo parlato della componente del software riguardante la registrazione dell’attività fisica ma non vi ho ancora detto nulla dell’interfaccia che è stata ulteriormente aggiornata e rivista in alcune funzioni.

Rispetto ad Ionic, è stata aggiunta la schermata con il riepilogo dell’attività fisica giornaliera, a cui si accede effettuando uno swipe verso il basso. Qui possiamo controllare i passi effettuati, i piani di scale saliti, le calorie bruciate e i dettagli sull’ultima attività svolta.

Scorrendo nel verso opposto, invece, entriamo nella schermata delle notifiche, che possono essere aperte singolarmente con un tocco e lette scorrendo verso l’alto. Per il momento non è ancora possibile rispondere alle notifiche ma Fitbit ci ha assicurato che presto sarà possibile rispondere ai messaggi di alcune app, tra cui anche Whatsapp, tramite dei messaggi preconfigurati. Una opzione che sarà attivata inizialmente per gli utenti Android e, a seguire anche per quelli iOS.

Funzione che ci è stato detto, anche se non in maniera esplicita, essere stata implementata proprio grazie al know-how ottenuto dall'acquisizione di Pebble, da cui Versa riprende anche il design di alcune watchfaces.

Generalmente parlando la gestione dell’interfaccia è sempre molto fluida, abbiamo notato qualche piccolo rallentamento solo nel caricare la lista delle notifiche quando particolarmente affollata. Per il resto mai una incertezza e una reattività sempre molto buona in ogni frangente di utilizzo.

Sempre in relazione alle funzioni che verranno aggiunte con il passare del tempo, Fitbit ha affermato di avere in serbo tutta una serie di strumenti legati al monitoraggio del ciclo mestruale e che aiuteranno le donne a gestire al meglio quei particolari giorni del mese. Parliamo di un calendario ma anche di una sorta di diario in cui appuntare stati d’animo, alimentazione e altre informazioni utili all’algoritmo per elaborare consigli utili.

All’interno dello smartwatch abbiamo poi 4 GB di memoria di storage, di cui 2,5 liberi al momento dell’acquisto e utili per installare altre applicazioni e trasferire su Versa le nostre canzoni preferite da ascoltare durante l’attività fisica senza essere collegati allo smartphone. Manca, purtroppo, il supporto a Spotify, sostituito da Deezer, che non è però così diffuso alle nostre latitudini.

E veniamo quindi all’applicazione Fitbit, sulla quale in realtà non abbiamo molto da dire. Si tratta infatti della stessa applicazione utilizzata da tutti i dispositivi dell’azienda e che apprezzo sempre per completezza, chiarezza e semplicità d’uso.

I dati sono mostrati in maniera chiara all’interno delle diverse schermate, con grafici utili a comprendere l’andamento dell’attività fisica e delle giornate più in generale. Ben fatta anche la parte di gestione dello smartwatch, attraverso cui possiamo modificare le impostazioni riguardanti le notifiche, o le watchfaces, o ancora controllare installare le applicazioni e trasferire la musica.


Se proprio devo trovare un difetto a questo ecosistema, questo risiede sicuramente nel numero di applicazioni a disposizione che resta piuttosto scarso. Un vero peccato, ma allo stesso tempo un difetto condiviso con tutti i dispositivi dotati di sistema operativo proprietario.

PREZZO E CONCLUSIONI

E arriviamo alle conclusioni. Come avrete capito questo Fitbit Versa mi è tutto sommato piaciuto. Dopo diversi tentativi l’azienda con sede a San Francisco è finalmente riuscita a realizzare uno smartwatch con caratteristiche convincenti e un design che ben si adatta all’utilizzo di tutti i giorni.

Piccolo, leggero e comodo da indossare, Versa include tutte le funzioni fitness più comuni ed è in grado di monitorare la nostra attività in maniera sufficientemente completa.

La mancanza più importante è quella del GPS, che ci costringerà a portare con noi lo smartphone nel caso in cui necessitiamo della traccia esatta del percorso effettuato durante la nostra attività di corsa, o di bicicletta, o anche solo per una passeggiata.

Questa volta, tuttavia, rispetto a Ionic dello scorso autunno, abbiamo un prezzo di vendita decisamente più adeguato. Parliamo infatti di un listino di 199 euro che, considerato quanto offerto da questo Fitbit Versa può apparire sicuramente ragionevole. Se invece per il vostro utilizzo la presenza del GPS è fondamentale, rimanendo nell’ecosistema Fitbit, ecco che Ionic, calato sensibilmente di prezzo nel corso dei mesi, può diventare l’alternativa ideale.

PRO E CONTRO
ComfortDesign e personalizzazioneDisplayAutonomiaFunzioni fitness
Manca il GPSNiente supporto SpotifyPoche App
VIDEO

L'iPhone più potente di sempre con il design più classico di sempre? Apple iPhone 8, in offerta oggi da Amazon Marketplace a 415 euro oppure da ePrice a 633 euro.

171

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Alberto

Versa e meglio o peggio di vivoactive 3? GPS condiviso usabile o non funzionale?

Alberto

GPS condiviso, a qualcuno funziona bene? Io, anche su charge 2 niente, su diversi telefoni non ne vuol sapere di funzionare

ste

Guarda avevo anch'io questo dubbio, l'ho letto da più persone il conteggio errato dei passi...guidando non faccio molto testo perché lo tengo sul braccio destro, però per curiosità ho provato a usare lo shaker per vedere se contava passi in più e niente, assolutamente nessun passo.

Rapture

Con il mio pebble time potevo dettare i messaggi e avevi un cronometro conta serie in palestra... Due cose fondamentali! Che amarezza.
Sembra impossibile che non riescano a rifare un orologio così! Assurdo.

luigug

Tra i 50 ed i 100 io consiglio Amazfit Bip che sembra avere quasi le stesse funzioni di Versa, ma in più ha: GPS e autonomia di oltre 20 giorni

Pamela Chiarini

Quali sono le app disponibili? Si può rispondere direttamente dal dispositivo?

stuzzica

45 giorni e ancora aveva il 15% di batteria e lo sincronizzo due volte al giorno pero è disattivato il monitoraggio del cuore durante il sonno e le gesture per accenderlo con il polso e per il resto lo uso come solo come orologio alla fine

Snape90

Capito, a questo punto mi tengo il charge 2. Anche se mi piace molto il versa non vedo il motivo di spendere questi soldi. Le funzioni sono praticamente uguali oltre il nuoto

Ardral

eh si, vero che se mi cimentassi più seriamente bisogna usare altri mezzi...sto fitbit mi convince solo a metà.

Nuanda

Wear Os ha tante app doppione che neanche parlano tra loro.... L'app principale che é Android Fit é veramente fatta con i piedi.....vi sono rutte le principali app tipo Strava etc, ma son tutte fatte male... Con una non funziona il gps, con un altra non funziona il battito etc... Personalmente e li ho provati tutti in ambito fitness é veramente l'ecosistema peggiore....

trucido

Appunto uno sfizio..anche io monitoro il nuoto come fai tu..Ma così solo per sfizio a.livello diciamo di " gioco "

Luca

eppure in alcuni post dicono che spotify si puo pilotare avanti indietro pausa e volume... solo che ci sono troppi post ocntrastanti.. la verita quale è? tu hai avuto modo di provare?

Francesco Ramof

Quindi non ha microfono per rispondere alle notifiche, non ha altoparlante per rispondere alle chiamate, non ha GPS per utilizzarlo per lo sport. A cosa serve? Chiedo perché è bellissimo ma non capisco che ci posso fare seriamente

Ardral

non lo so, io ormai mi sono abituato a calcolare con l'orologio grande sopra la piscina le tempestiche e pace. Vivrei bene anche senza, avere un orologio che mi riconosce gli stili e mi dice chiaramente in quanto tempo faccio le vasche è solo per sfizio...

Francesco Ramof

Per sportivi senza GPS? Sicuro sia per sportivi?

Snape90

Ma scarso in ambito fitness parli di applicazioni? Perché ad esempio fitbit ha la sua app che è fatta sicuramente benissimo, però oltre quello cosa intendi per ecosistema completo?

Nix87

Io lo porto dietro, ma tanti altri runner non lo vogliono tra i piedi, non sono pochi. Se uno riesce ad avere in un unico sistema tutto tanto meglio, se no si passa avanti...per me il fatto di non avere il gps è una mancanza "inaccettabile" in questo periodo di grande concorrenza in questo settore, senza dimenticare che FitBit non passa un buon momento finanziario.

Marco Seregni

Da quel che ho letto è assolutamente sconsigliato. Fatti un giro sul forum (io a parte questo eccesso comunque mi trovo bene)

trucido

Ma ci sono quelli che monitorano tutti questi elementi durante il nuoto..Ovviamente in piscina..?

trucido

Ho capito..

Nuanda

ma molti se lo portano...tipo me, comunque quando corro sento podcast e quindi il telefono ce l'ho sempre dietro...

Nuanda

Ho Ticwatch E, ma per andare a correre l'ho affiancato ad un Garmin Vivosport, non è tanto l'hardware il problema, ma è proprio Wear OS che è molto scarso in ambito fitness.....non vi è un ecosistema completo come quello di Garmin, Fitbit o Samsung.....i Samsung Gear hanno Tizen, ma sono tra i dispositivi che ho provato gli smartwatch con la parte fitness più sviluppata e completa, al momento per Android è l'unico dispositivo che gestisce bene notifiche ed ha una parte fitness decente.

Marco Seregni

Io l'ho preso su Amazon a 245 in offerta lampo. Mai provato per il nuoto ma lo uso in palestra. Io personalmente non sono in grado di valutare quanto sia affidabile ma "a occhio" mi pare sovrastimi. Ed in effetti tutti quelli che hanno fatto i confronti con le fasce concordano. Che non sia preciso come una fascia ci sta, ma che il charge sia più preciso mi pare assurdo. Spero che sia un problema software o, se hardware, che sia costante così che possano sistemarlo con una correzione software, perché errori del genere mi vanno bene su una xiaomi da 15-20 euro, non sono accettabili su un dispositivo da 250-300 euro

Ardral

se non segna le bracciate e lo stile è inutile, almeno per me. Mi sa che farò un giro sui forum prima di spendere quella cifra

Srnicek

No, ha Tizen, sistema proprietario Samsung.

Srnicek

Abbastanza probabile, ai tempi le recensioni dei vari bracciali Fitbit erano piene di persone che si lamentavano del fatto che venissero contati semplici movimenti del braccio come passi, è rimasto ancora così evidentemente.

Snape90

Però ho notato nei vari confronti ad esempio il ticwatch 2 con fitbit ionic che hanno risultati molto simili riguardo battito, calorie ecc... Samsung gear non ha wear os?

boosook

Mah, non e' la mia esperienza, ho un Charge 2 e non influenza praticamente la batteria. Il gps condiviso significa che l'app sul telefono si limita a chiedere al telefono la posizione e la passa allo smartwatch, ma il telefono conosce la sua posizione sia che ci sia lo smartwatch a chiederlo o meno. Che poi, a chiedere la posizione, siano un'app o mille non cambia niente, in realta' puo' cambiare se l'app chiede la precisione elevata (come maps in fase di navigazione), ma non e' certo il caso dello smartwatch. Magari puo' farlo quando fai partire esplicitamente la corsa.

Gerardo Pandolfi

Sinceramente non lo so, ma la vedo una cosa un po' macchinosa. Spesso uso il Garmin Fenix 5 e in questo caso non succede nulla. Secondo me, parlo per ipotesi, il Versa usa il movimento per segnare i passi, mentre il garmin combina movimento e gps, quindi se tu ti muovi ma non ti sposti, o se vai a più di X km/h lui capisce che non stai camminando o correndo...

Gerardo Pandolfi

No, è un prodotto per sportivi

Gerardo Pandolfi

No, perchè non c'è l'app. Puoi solo salvare la musica dentro al Versa oppure "pilotare" il lettore musicale del cell. Ma credo che solo apple watch permetta di usare spotify seriamente.

spino1970

per quello che costa mi pare un difetto non da poco...

Nuanda

Wear Os é quanto di peggio ci possa essere per il fitness....se è importante per te gli rimani sui Fitbit o alnlimite Garmin, se vuoi un prodotto più completo e più smartwatch prendi in considerazione i Samsung Gear

trucido

A me piace tantissimo lo ionic..forse dico.forse riesco a trovarlo a lo stesso prezzo del versa..tu lo hai monitorato il nuoto?

Marco Seregni

Ho uno ionic e sul forum di fitbit leggo di tantissime persone che si lamentano circa il rilevamento del nuoto. Non so se versa sia diverso ma da quel che ho capito il software è identico quindi... Ti consiglio comunque di guardare sul forum fitbit, soprattutto quello inglese, li potrai trovare un sacco di informazioni

Srnicek

No, anche durante un'escursione a piedi di diverse ore, uno smartwatch con gps condiviso ti ammazza lo smartphone, in quel caso fa molto comodo uno smartwatch con GPS integrato.

Srnicek

Credo intenda che, se ha la stessa autonomia dei Pebble con un display diverso, utilizzando la stessa tecnologia sarebbe stata superiore.

Srnicek

È da un po' che non uso Fitbit ma sul sito (o anche dall'app) dovrebbe essere possibile impostare che in quel momento stavi guidando, in modo da eliminare i passi contati in più.

trucido

Quindi nel monitoraggio nuoto non segna le bracciate e il tipo di stile e l eventuale saturazione?

Luca

spotofy si può pilotare? non oarlpdi gestione offilne ma di andare avanti dietro pausa aumentare il volume?

Imparziale

Non ha ne microfono ne cassa?

Federico Bassan

peccato per lo schermo.....

Zlatan10

Qualcuno più esperto nel campo mi può indicare nelle seguenti fasce di prezzo le smartband/gli smartwatch "migliori"? (Uso al momento una mi band 2)

Le cose che mi interessano di più sono quelle basiche, ovvero gestione notifiche, contapassi e sessioni di sport, monitoraggio sonno, rilevazione battito, GPS (possibilmente ma non indispensabile).

¶ <=50 euro
¶ tra 50 e 100
¶ tra 100 e 150
¶ tra 150 e 200.

Grazie

Ngamer

qualcosa in piu lato notifiche e cmq non mi dispiacerebbe il display piu grosso rispetto al charge 2 che dalla sua ha l autonomia doppia

DeeoK

Io ho la Huawei Band 2 che lo fa.
Non ho mai parlarto di band economiche (anche perché la Mi Band costa 35€, tutto un altro segmento).

Samuele Perini

Se la metti su una questione di lotta di classe è un conto. Generalizzando, la gente non compra solo per far la maratona, misurare il sonno e qualcosa di più. Fitbit con questo dispositivo non ha innovato pensando che abbassando il prezzo e poco più sarebbe bastato. Vediamo se la scommessa è vincente. Ma sono pessimista.

Federico Bassan

non essendo sportivo per sfizio, sceglierei un wear sto aspettando la recensione del misfit vapor per decidere tra lui e il ticwatchE, il versa ha un bel design però l'os non fa perle mie necessità

Samuele Perini

Quando arriveranno a costare il giusto e ad innovare veramente ti darò ragione dell'acquisto ammesso che ci sarà ancora fitbit, allora.

Diste

Non esiste un ecosistema app + dispositivo migliore se non apple. Garmin fa pena. Al polso di chi fa sport/fitness io vedo solo fitbit o garmin. Le cinesate le vedo solo al polso dei nerd che stanno alla scrivania. Siamo seri dai. Non si può paragonare la qualità. Poi oh, liberissimi di comprare quello che volete, per leggere l'ora van bene tutti.

Diste

Io ti porto la mia esperienza, il charge 2 in auto non mi conta un passo.

Le migliori Powerbank per Apple iPhone e non solo | Video | #BESTBUY

4 chiacchiere con 16 smartphone TOP DI GAMMA 2018 | Video

Dipendenza da smartphone | Video

Recensione Jabra Elite 65T: cuffie di qualità con tanti pregi