Spotify acquisisce Loudr per facilitare il pagamento delle royalties agli editori

13 Aprile 2018 0

Spotify ha annunciato di aver acquisito Loudr, azienda nata nel 2013 e specializzata nella creazione di prodotti e servizi che rendano più semplice per i creatori di contenuti e piattaforme di musica digitale identificare, tracciare e pagare le royalties agli stessi editori.

Loudr descrive la sua tecnologia come "big data for music rights", ed attraverso l'impiego di algoritmi specifici assicura un collegamento diretto tra artisti, produttori musicali e piattaforme, in modo che ricevano la giusta quantità di royalties (percentuale che l'editore versa all'autore di un'opera).

Per Spotify si tratta di un'acquisizione mirata a risolvere tutta una serie di problemi legali, dopo diverse citazioni in tribunale per mancati pagamenti o licenze non rispettate nei confronti dei diritti d'autore. A tale scopo, lo scorso anno Spotify acquisì anche Mediachain, un'altra società per la gestione di contenuti ed informazioni sui produttori musicali attraverso un database protetto da blockchain.


Il colosso dello streaming ha riferito che tutto il team di Loudr verrà trasferito all'interno degli uffici di New York, entrando immediatamente nell'organico. Non sono stati resi noti i dettagli dell'operazione finanziaria.


0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

TIM, ecco le prime offerte 5G: dettagli e smartphone disponibili

Apple, tutte le novità della WWDC 2019

Recensione Amazfit Verge, smartwatch completo e adatto a tutti

RETI 5G (e uccelli morti): BENEFICI... e RISCHI