Xiaomi continua ad investire nel mercato indiano e spinge la sua espansione

09 Aprile 2018 12

Xiaomi ha ospitato cinquanta dei suoi più importanti fornitori globali di componenti per smartphone in un summit sugli investimenti che si è tenuto a Nuova Delhi al quale hanno partecipato anche i principali funzionari del governo indiano. Lo scopo di tale evento è quello di spingere i loro partner ad aprire fabbriche anche nel territorio meridionale dell'Asia che, attualmente, rappresenta il secondo mercato mondiale per quanto riguarda vastità ed espansione.

Nel caso in cui l'obiettivo venisse raggiunto, esso genererebbe circa 2.5 miliardi di dollari di investimenti e oltre 50.000 posti di lavoro, un traguardo non di poco conto che contribuirebbe attivamente a rendere l'India uno dei più importanti poli manifatturieri a livello globale.

Xiaomi sta puntando molto su questa nazione e recentemente ha scalzato Samsung Electronics dal gradino più alto del podio grazie ad importanti investimenti sul territorio. L'azienda cinese, Dal 2015 collabora con la Foxconn per assemblare gli smartphone direttamente in loco e, recentemente, hanno aperto altri tre impianti per la realizzazione dei componenti hardware principali mediante un metodo chiamato surface-mount technology (SMT). Ciò ha permesso di ottimizzare notevolmente i costi di produzione e ridurre le spese legate al recente dazio del 10% imposto dalla nazione per numerose tipologie di prodotti di importazione tra le quali compare anche la maggior parte dell'hardware interno degli smartphone.

Questa apertura all'India, giustificata anche dal basso costo complessivo per la manodopera, sta generando non poche preoccupazioni nella vicina Cina che, visto il suo mercato ormai saturo, nel prossimo futuro potrebbe perdere un ingente numero di posti di lavoro.

Fotocamera al top e video 4K a 60fps con tutta la qualità Apple? Apple iPhone XS, in offerta oggi da Wireshop a 840 euro oppure da Media World a 1,099 euro.

12

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Giorgio

Nn a caso Apple che vende poco in Oriente (in proporzione) e molto in occidente ha più soldi di tutti messo insieme

Tx888

il mercato occidentale è molto più difficile e poco remunerativo, vedi vari Meizu , Nubia , Zte , Asus , Acer ecc. grandi buchi nell' acqua.

StriderWhite

Beh vedi, nella top 3 degli smartphone più venduti in India nel 2017 ci sono 2 Xiaomi ed un Samsung, nella top 5 3 Xiaomi, 1 Samsung ed 1 Oppo. Samsung vende ancora piuttosto bene comunque, visto che nella top 10 ha 4 modelli, se riesce a fregargli anche quelle posizioni per Xiaomi è un ottimo affare!

Vive

Per nulla in realtà.

Occidente = Europa, un sacco di tasse e regole da rispettare per ogni paese, mentre in US l'NSA e la CIA bloccano tutti i produttori di smartphone all'ingresso seminando il panico, cosa che stanno già facendo ora con Huawei.

Vive

Perché in Cina perdono continuamente terreno, non hanno l'appeal di Oppo, Vivo e Huawei.

Paolo Giulio

Xiaomi, che ha già 6 fabbriche in India, sta spingendo i suoi FORNITORI DI COMPONENTISTICA ad investire ALTRETTANTO nella 3a economia asiatica (l'India. appunto)

I 2.5 mld di investimenti e i relativi posti di lavoro NON sono di Xiaomi, ma -appunto- della catena filiera dei fornitori di componentistica... ha "solo" interesse ad abbassare i costi di produzione nel suo SECONDO MERCATO (il primo obv la Cina) ove sono presenti FORTI DAZI ed il divieto di vendere smartphone se non li si produce in loco (ecco il perchè delle 6 fabbriche già operanti) ...

Obv la preoccupazione è che, visti i costi inferiori di manodopera in India, si autofacciano concorrenza nelle proprie fabbriche cinesi... ma, tenendo conto che non sono proprio degli SPROVVEDUTI, se si stanno muovendo in tal modo verso l'india, ne avran ben tenuto conto...

Giorgio

Vero ma non investono ora per prenderli tra anni

StriderWhite

I cinesi non sono sprovveduti, se non ci sono soldi da guadagnare non investono in un determinato mercato.

Giorgio

Dubito che i cinesi (che notoriamente vogliono monetizzare nel breve, massimo medio periodo) vogliano incassare tra qualche anno.
E poi si sa che 1 iphone (per dire un top a prezzo pieno) fa guadagnare quanto 10 base di gamma, quindi non so.
Staremo a vedere

StriderWhite

Il problema è che in Europa c'è già la triade Samsung-Apple-Huawei che la fanno da padrona, negli USA i brand cinesi non mi pare abbiano troppo successo. Considerando che l'India cresce parecchio di anno in anno, conquistare un mercato partendo dal basso può dare molti frutti tra qualche annetto.

Giorgio

Vero ma visto il tasso di povertà mi sa che gli conviene di + l'occidente se vuole far grana

StriderWhite

Giustamente con tutta la gente che c'è in India è un mercato allettante...

TIM, ecco le prime offerte 5G: dettagli e smartphone disponibili

Apple, tutte le novità della WWDC 2019

Recensione Amazfit Verge, smartwatch completo e adatto a tutti

RETI 5G (e uccelli morti): BENEFICI... e RISCHI