Instagram porta gli hashtag e i tag ai profili anche nella biografia

21 Marzo 2018 2

Instagram ha rilasciato un nuovo aggiornamento, su Android e iOS, che introduce la possibilità di personalizzare ulteriormente il proprio profilo. Parliamo dell'aggiunta al supporto agli hashtag nel campo dedicato alla Biografia dell'utente, il quale ora potrà aggiungere gli hashtag per arricchire il profilo con dei link interattivi. In questo modo sarà più semplice, ad esempio, mostrare tutti i contenuti legati ad un determinato hashtag a tutti i nostri follower.

Oltre a ciò arriva anche la possibilità di taggare un altro profilo utilizzando la @, in modo da includere un riferimento rapido ad un altro profilo, magari uno secondario, personale o lavorativo. Instagram inoltre segnala che l'account taggato riceverà una notifica che lo informerà dell'operazione e avrà la possibilità di disattivare il tag, qualora indesiderato.


Oltre a queste novità ufficiali, l'app Android nasconde anche qualche piccolo segreto. Il riferimento va alla possibilità che Instagram aggiunga presto la possibilità di utilizzare i codici QR da associare a profili personali o business. La funzione viene definita Nametag Scan e non è ancora attiva: Instagram ha rifiutato di commentare la vicenda, quindi non è possibile sapere se e quando tale possibilità verrà resa ufficialmente disponibile.



2

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Davide Bonadeni

Lo è già diventato, si diventa matti a rincorrere le sue nuove regole assurde e l'algoritmo di m...a

Alla ricerca del tempo perduto

a breve diverrà un mappazzone come facebook

Sky Wifi: l'offerta in fibra (FTTH) è ufficiale. Come funziona e quanto costa

App Immuni è disponibile al download su Android e iOS

Covid-19: come non cadere nella trappola della falsa informazione | Podcast

Apple e Google, più privacy per le app di tracciamento: cosa cambia per l'utente