Il Web compie 29 anni: Il potere di Google e Facebook preoccupa Tim Berners-Lee

12 Marzo 2018 23

Il Web oggi compie 29 anni e, in occasione di questa ricorrenza, il padre del World Wide Web Tim Berners-Lee ha pubblicato la consueta lettera aperta con cui celebra l'anniversario della nascita della Rete.

Chi conosce il pensiero di Berners-Lee sa bene che lo scienziato non dedica troppe parole all'aspetto celebrativo dell'evento, bensì coglie sempre l'occasione per offrire una riflessione sull'attuale del web, analizzando in maniera estremamente lucida tutte le principali problematiche sociali che lo accompagnano. Il ventinovesimo compleanno del web arriva in un momento di svolta per Internet, visto che ora più della metà della popolazione mondiale è connessa alla rete.

Anche quest'anno Berners-Lee non è da meno e nella sua lettera prova a dare risposta a due domande: come connettere la restante metà degli abitanti della Terra? Siamo sicuri che questi vogliano far parte dell'internet che conosciamo oggi? Si tratta di due questioni che toccano due temi fondamentali per lo sviluppo della rete e della società.

Connettere l'altro

La prima domanda pone l'enfasi sul problema del Digital Divide, che preclude l'accesso alla rete a miliardi di persone. Perdere questo accesso oggi non significa restare esclusi da contenuti di secondaria importanza, ma perdere la possibilità di accedere al pubblico dibattito, alla partecipazione democratica e al diritto di informarsi, apprendere e lavorare. Questo problema è ancor più amplificato se chi è estromesso dalla rete rientra almeno in una di queste categorie, ovvero è una donna, vive in aree rurali o in paesi a basso reddito ed è povera/o.

Nel 2016 le Nazioni Unite hanno stabilito che l'accesso alla rete è considerato un diritto fondamentale degli esseri umani, al pari dell'accesso all'acqua non inquinata, ad un riparo sicuro, al cibo e alla corrente elettrica. L'appello di Berners-Lee suona quindi come una nuova chiamata all'azione nei confronti di coloro che dovrebbero lavorare per garantire che persino questo diritto possa essere esercitato da tutti, anche se spesso i costi risultano essere ancora proibitivi. Secondo le Nazioni Unite, la soglia minima a cui ogni individuo ha diritto di accedere è rappresentata da almeno 1GB di dati in mobilità ad un costo pari al 2% del reddito mensile medio, mentre in molti Paesi questo costo è ancora vicino a percentuali del 20%.

Berners-Lee non si limita a indicare le criticità ma, come è solito fare un vero uomo di scienza, prova a suggerire alcuni aspetti su cui lavorare, come ad esempio supportare le politiche che favoriscano la diffusione dell'accesso pubblico e libero alla rete, anche tramite reti WiFi comuni. Particolare attenzione deve essere prestata anche alle donne, con politiche che possano garantire un accesso sicuro alla rete e attività formative capaci di migliorare le loro abilità nel mondo digitale. Restare tagliati fuori, oggi, vuol dire perdere molte occasioni lavorative e di conseguenza ridurre le possibilità di essere indipendenti.

Un internet di cui poter andare fieri

Il web è mutato profondamente nel corso di questi 29 anni e oggi è minacciato dallo strapotere dei cosiddetti gatekeepers, i guardiani del cancello che gestiscono l'accesso alle informazioni che filtrano ciò che può e deve essere detto e pensato dalla rete. A differenza dei suoi primi anni, la rete non è più una raccolta di siti e blog indipendenti tra loro, ma è schiacciata e compressa all'interno dei principali portali che svolgono quel ruolo di controllo appena descritto.

Berners-Lee punta il dito contro colossi come Facebook e Google, colpevoli di aver appiattito questo mondo e di averlo circoscritto all'interno di politiche mirate alla massimizzazione del profitto e non del bene comune. Le pratiche che sono originate da ciò hanno portato queste società a creare barriere contro gli avversari, ad accentrare tutte le forme di innovazione e le menti brillanti, assorbendo all'interno di essi tutte le più piccole startup innovative migliori.

Nella sua previsione Berners-Lee sottolinea come i prossimi 20 anni saranno molto meno innovativi di quanto non lo siano stati i 20 precedenti, proprio a causa delle politiche che pongono un freno alla reale possibilità di sviluppo e cambiamento. Oltre a ciò, l'accentramento della gestione delle informazioni ha portato il web a divenire una vera e propria arma. Fake news, account creati per diffondere odio e incertezze, ingerenze di altri governi nell'attività democratica di un paese, teorie del complotto, furti di dati personali e molti altri mali sono nati proprio in questo terreno a loro fertile, il quale ha favorito la trasformazione del web in uno strumento atto ad amplificare le paure e a marcare nettamente i confini tra noi e loro, io e voi.

Tim Bernres-Lee

Anche in questo caso Berners-Lee ha una proposta da fare e parte dalle parole dell'attivista John Perry Barlow che "un buon modo per inventare il futuro è predirlo". Il concetto potrebbe sembrare scontato e semplicista, tuttavia bisogna chiedersi: che cosa vuol dire predire il futuro? Per Berners-Lee la risposta è nell'unione delle menti più brillanti, provenienti da qualsiasi campo - dalla politica alla tecnologia, dalla società civile, dal mondo delle arti e dalle accademie - al fine di immaginare il futuro e di pensare a quali potrebbero essere le minacce da affrontare.

D'altronde si sa, prevenire è meglio che curare e questa soluzione non è poi molto dissimile da quanto fatto anche da chi ha voluto provare ad immaginare quali saranno i principali pericoli a cui andremo in contro se non si prenderà coscienza del potere delle AI, soprattutto se nelle mani sbagliate. Le grandi società del web si muovono in maniera indipendente e scoordinata all'interno di questo campo e Berners-Lee ritiene che sia ora che venga creata un'istituzione super partes che stabilisca una linea di condotta valida per tutti e indirizzata verso il bene comune.

I limiti alla fantasia

Berners-Lee chiude la sua lettera invitandoci a riflettere su due grossi limiti che attualmente impediscono lo sviluppo di alternative al modello attuale di internet: la pubblicità come unico business e l'idea che ormai sia troppo tardi per cambiare le piattaforme già affermate.

La storia del mondo della tecnologia, ma in realtà quella del mondo stesso, ci ha insegnato che niente è assoluto e che tutto cambia con l'evolversi della civiltà. Berners-Lee propone un approccio creativo per poter provare ad affrontare questi due problemi, ovvero di trattarli come se fossero dei bug del codice e dei sistemi software creati dalle persone, quindi risolvibili dalle stesse persone. Una volta che si sceglierà di adottare questo stato mentale, quindi di affrontare i grandi problemi della rete come dei bug a cui trovare soluzione in maniera quasi scientifica, saremo in grado di scoprire nuovi incentivi che possano sostituire gli attuali modelli di business e di conseguenza creare un ambiente più creativo.

Berners-Lee porta avanti la sua battaglia per un web più libero e accessibile attraverso la sua Web Foundation, creata nel 2009 con lo scopo di aiutare i governi a orientare al meglio le proprie politiche nei confronti della Rete. Oggi le parole di Sir Tim Berners-Lee ci mettono davanti a delle problematiche ben note da tempo e che spesso vengono sottovalutate da tutti gli attori che popolano il web. I suoi primi 30 anni sono a 12 mesi di distanza da oggi e sarebbe importante che quel traguardo fosse accompagnato da un miglioramento globale del World Wide Web.

Il top di Huawei al miglior prezzo? Huawei P30 Pro, in offerta oggi da Clicksmart a 579 euro oppure da Amazon a 632 euro.

23

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Alex4nder

Tutto assolutamente vero (purtroppo), andremo a finire come nel film "The Circle"

Alla ricerca del tempo perduto

dovrebbero fare così anche in Italia, visto le stronzàte che girano sui social italiani

Oliver Cervera

Quest'uomo è un grande.
A scuola dovrebbero insegnare la cultura di Internet!

freerider

Lo standard deve essere tecnologico e decisa da un gruppo di soggetti e non imposto da una solo compagnia con interessi ad avere un monopolio. Immaginati se lo standard dell'IoT, delle smartcar e smarthome diventasse Google (meno male che c'è apple car e alexa che tentano di resistere). Dovresti avere per forza un account Google e dispositivi Google per poter interagire con loro, quindi oltre ad avere sempre maggiori dati, taglierebbero le gambe a chiunque voglia entrare in quel mercato. Questo non sarebbe uno standard ma monopolio e abuso di posizione dominante.

Grad

In realtà essere uno standard, in ambito informatico, non è mai un bene. Perché l'informatica, ed internet di conseguenza, è in continua evoluzione e gli "standard" tendono a diventare obsoleti.

Google e Facebook non hanno ottenuto il ruolo di Big rimanendo immobili, ma lavorando per tenersi sempre al passo dell'evoluzione della rete. Se gli altri cadono è perché non hanno avuto questa capacità o una progettazione tale da poter stare al passo con i tempi

qandrav

ottimo messaggio, purtroppo hai delineato in maniera perfetta quello che sta succedendo/succederà a breve

freerider

Pienamente d'accordo. Ma ora mai come fai a limitare questo accentramento di potere e di dati? Ora mai Google e facebook sono diventati degli "standard" se non hai Google sei tagliato fuori da molta tecnologia che si appoggia ai loro servizi e quindi devi usare un loro account ed altri dati da poter vendere. Con i social è un po diverso perché siamo noi utenti a scegliere di utilizzarli, facebook ha un po più di concorrenza ma anch'esso è uno standard e se non hai un loro account sei tagliato fuori dalla "comunità digitale" (non che sia un male). Però, la mia preoccupazione è che essendo appunto standard de facto è che a breve questi due colossi gireranno la chiave e si imporranno come obbligo nella nostra vita. Immagino dei controlli sulla nostra identità che ti obbligheranno ad avere facebook perché in quel modo saresti immeritamente riconoscibile sia fisicamente che anche sulle questioni "morali", automobili, porte di casa, firogoriferi che ti imporrano ad avere Google perché se comunicano con i loro servizi e senza un account di bigG non potresti utilizzarli. Questo accentramento di potere già oggi limita tantissimo l'innovazione, figuriamoci in un futuro dove questi due soggetti saranno perennemente presenti. Nessun nuovo servizio avrà la possibilità di diffondersi se non parlerà con Google perché sarebbe tagliato fuori dal resto della tecnologia, oppure se non hai facebook magari non puoi accedere a determinati tipi di informazione. Però facendo cosi avranno sempre più potere, tutta la nostra vita sarà ricostruibile da un algoritmo e basterebbe un niente per controllare cosa facciamo. Tutto questo potere e queste informazioni in pochissimi soggetti sono pericolose ma ora mai non so come si potrebbe tornare indietro. Oddio, basterebbe tronare a una decina di anni fa dove esisteva la tecnologia ma non era cosi esasperata come oggi.

Davide

bisognerebbe accordarsi su cosa si intende quando parli di pattume allora. Se ti fa schifo come loro fanno il loro business, fortunatamente siamo ancora in un mondo libero e le alternative ci sono. google non è l'unico motore di ricerca e facebook non è l'unico social network.
Se invece il pattume è ciò che indicizzano o come la gente li usa torniamo al fatto che sono i polli a fare schifo..

Baronz

Google e Facebook il problema... Quando in Cina i firewall di stato che bloccano tutto e le attività online sono costantemente monitorate...

(

Google e Microsoft hanno una bella lama detenendo quasi tutti i big data.

Luca

sacrosanta verita'

Giuseppe Bizzarro

Si però che palle con questa storia dei colossi e delle categorie escluse, eh!

Garrett

Quello che tu chiami "mezzo" viene organizzato, sviluppato e gestito da un'azienda privata, allo scopo di profilare e controllare tutto quello che passa nella rete ed utilizzarlo per fare profitto.
Le persone invece sono come i polli, basta dargli il becchime e loro mangiano senza porsi grandi problemi.

Garrett

Il problema è che la politica è per definizione vecchia e disinteressata. I problemi si vedono solo quando diventano palesi e ci si trova davanti al fatto compiuto.
Certe regolamentazioni andavano fatte diversi anni fa, ma la miopia regna sovrana.
Ora potete solo "attaccarvi" perchè questo è solo l'inizio.
Il monopolio di Microsoft degli anni 90, è un'inezia, a confronto.
Qui in gioco c'è molto ma molto di più.

Cristian Louis Watta

Ringrazio tantissimo youPorn e adult buffer io!

il Gorilla con gli Occhiali

Auguri!

Davide

Sono le persone a creare il pattume non i mezzi che si utilizzano..il loro monopolio è frutto di ignoranza ma indicizzano che fanno gli altri..

Klapparbaver

nutci

Le recensioni di Palombo ovviamente.

Klapparbaver

Io ricordo il primo sito visitato: quello di bmw, era il 1998! .. Subito dopo ho iniziato la vera navigazione, quella che appunto ci accomuna tutti

ghost

Io sapevo che si festeggiava a 30 ma ok

Matteo

Concordo sul piattume creatosi grazie a Fb e Google

MartinTech

Wow, non so nemmeno da dove iniziare, quindi andrò direttamente alla fine.
Buon compleanno per quella che è una delle più grandi invenzioni dei tempi moderni.
Buon compleanno per i troll, per gli "opinion leaders", per le foto dei gattini, per i video divertenti, per quelli seri, per le informazioni, per la tecnologia, per le auto, per la preparazione accademica, per le termocamere, per la musica, per le recensioni dubbie e per i prodotti che dopo un mese per il recensore è stato un no e soprattutto grazie grazie grazie per l'unica cosa che accomuna decine di milioni di navigatori...si avete già capito :P
https://uploads.disquscdn.c...

Surface: tutte le novità presentate da Microsoft

Recensione Amazfit Verge Lite: ottimo smartwatch ma vale la pena comprarlo?

TIM, ecco le prime offerte 5G: dettagli e smartphone disponibili

Apple, tutte le novità della WWDC 2019