Open Fiber, Cdp ed Enel smentiscono le voci sul rallentamento del progetto

07 Marzo 2018 16

Open Fiber continuerà ad essere finanziata: a confermarlo sono Enel e Cassa Depositi e Prestiti che, in una nota congiunta, smentiscono categoricamente quanto scritto in un articolo pubblicato sul Sole 24 Ore in cui veniva ipotizzato un rallentamento - e la conseguente messa in dubbio - del progetto con il cambio di Governo, con il rischio di vedere svanito il project financing da 3,5 miliardi di euro.

Il quotidiano aveva infatti riportato come il nuovo AD Elisabetta Ripa avesse rivisto il piano industriale, di comune accordo con gli azionisti, preferendo di adottare un approccio più prudenziale sul cablaggio di 217 città nelle aree A e B e la copertura di 6753 comuni nelle aree C e D.

"Cdp e Enel, in qualità di azionisti di Open Fiber, smentiscono ogni illazione circa cambiamenti di strategia sul finanziamento del piano d’investimento della società”, si legge nella nota. “Il processo di negoziazione del pacchetto di finanziamento è in corso e si sta sviluppando secondo i piani prestabiliti”.

Le due società hanno infine confermato il “pieno sostegno al piano ed al progetto industriale di Open Fiber per la realizzazione di una innovativa infrastruttura di accesso, con le relative tempistiche di attuazione”.

Medio gamma senza compromessi? Samsung Galaxy A7 2018, in offerta oggi da Evoluxion.it a 234 euro oppure da Amazon a 279 euro.

16

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Vincenzo

Ti posto uno screen, numeri senza nessuna legenda non capisco proprio che significano

Alessandro

A quali excel ti riferisci? Io ho quello del mio comune e saprei spiegarti come interpretarlo, ma essendo un documento riservato al comune non sarei nemmeno autorizzato ad averlo (me lo ha passato il sindaco lol).

csharpino

La cosa bella di questo sito è che ti spacciano per copertura con la banda ultra larga la 30Mbps... nel 2020 quando dicono che la maggior parte delle aree sarà coperta (e voglio vedere se lo sara!!) con una 30Mbps ti chi potrai sciacquare la cappella...

mat

Eh ma è il governo Gentiloni/Renzi che ha fatto i bandi per la fibra quindi non cambia sicuramente nulla.
Al massimo ci potrebbero essere dei problemi con il prossimo governo, ma siamo ancora ben lontani da averlo.

TeoCrysis

No, parla di azionisti...

Vermillion

Blogs, parassiti delle fake news :)

Astronium

Dove puoi vedere questa cosa? Io sul sito non riesco a capirci niente.

giovaaa

Il governo Gentiloni è ancora in carica. Non è stato sfiduciato dalla precedente legislatura.
Appena si insidieranno le nuove camere si partirà con la consultazione per la formazione di un nuovo governo oppure tecnicamente (ma lo vedo difficile) le nuove camere possono votare la fiducia al governo gentiloni che può continuare a governare senza interruzioni.

Vincenzo

Ma qualcuno sa come si interpretano quei numeri del file exel di open fiber sul piano copertura?
1537 745 52 797 437 SI 95,00% 20,00% Completamento ?

Ploser

Il mio comune non è presente nei piani di copertura Open Fiber :-((
Dove posso verificare i piani di copertura di TIM?
Mi sembra strano che molti comuni vicini, anche più popolosi, saranno coperti da OF e il mio no...

Simplyme

In Italia i governi vanno e vengono...

Tiziano

Non saranno in ritardo, ma da me è pianificata per settembre 2020... si, ho scritto bene, 2020... 'tacci loro!

lamberto

un plauso a OF che ci portera nel futuro.....

momentarybliss

Chiaro che qualcuno da queste voci incontrollate ci guadagna. Si chiama speculazione

mat

Ma se nanche c'è un nuovo Governo...

linix86

si cerca sempre di boicottare il progresso e le iniziative efficaci

Le migliori Powerbank per Apple iPhone e non solo | Video | #BESTBUY

4 chiacchiere con 16 smartphone TOP DI GAMMA 2018 | Video

Dipendenza da smartphone | Video

Recensione Jabra Elite 65T: cuffie di qualità con tanti pregi