Come tassare le multinazionali digitali: le prime proposte informali all'Ecofin

20 Settembre 2017 26

Abbiamo visto nei giorni scorsi come i governi europei si siano mobilitando per modificare i sistemi di tassazione delle grandi multinazionali digitali. Benché sia ormai chiaro che colossi come Google e Facebook operino nella piena legalità, le ragioni per spingere verso un adeguamento delle regole attuali sono molteplici - 5,4 miliardi, potremmo dire.

Nel corso del weekend si è svolta a Tallin, Estonia, la conferenza Ecofin, a cui partecipano tutti i ministri dell'economia dell'area euro, in cui sono state presentate le prime proposte informali. Sono due:

  • La prima, ad opera dei quattro "big" europei (Italia, Francia, Germania e Spagna), propone di tassare i fatturati delle società, e non i guadagni. È stata firmata, e quindi accettata/condivisa, da sei ulteriori stati: Austria, Bulgaria, Grecia, Portogallo, Romania e Slovenia
  • L'altra, avanzata dall'Estonia stessa (che è anche attuale presidente del Consiglio UE), che vuole tassare le società in base agli utenti/clienti registrati in ogni paese.

La prossima tappa della vicenda sarà domani, 21 settembre, quando la Commissione UE presenterà una sintesi della riunione con tutte le opzioni passate al vaglio. Dopodiché si passa al 29 settembre, quando il documento verrà presentato ai vari capi di stato nel corso del Digital Summit, sempre a Tallin. Per una proposta concreta, invece, bisognerà attendere verso la metà del 2018.


26

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Solaris

Appunto, oltre ad essere na strunzaat, non risolverebbe manco nulla.
Qui, o allineano i sistemi fiscali di tutta Europa, o creano una tassazione unica, ma se continuano a mantenere regimi fiscali locali tutti diversi e separati, non risolveranno mai un fico secco.

Francesco Renato

L'imposta sul reddito può essere completamente sostituita dall'imposta sul fatturato. L'imposta sul fatturato è minore in percentuale ma non in valore assoluto, dato che l'imponibile è molto più grande.
Nel caso 2 l'utile viene tassato nei singoli paesi UE dove risiedono i clienti, in proporzione agli acquisti ivi effettuati, quindi non è possibile allocarlo dove fa comodo.

Francesco Renato

I ricavi, rectius i guadagni perché i ricavi corrispondono al fatturato, potrebbero essere tassati solo in irlanda, al netto dell'imposta sul fatturato, oppure potrebbero non essere tassati qualora l'imposta sul reddito venga completamente sostituita dall'imposta sul fatturato.

Davide

Tra le due la proposta 1 è indubbiamente la migliore. L'UE pare fare il gioco di Google & co. perché tassa di in base al numero di utenti non è detto che tassi chi incassa di più

DeeoK

Più che una questione di fiducia è il solito caso di burocrazia malata all'italiana per nascondere cose sotto al tappeto.
Senza stare a fare tanti inoltri, basterebbe che i comuni ricevessero le tasse per aspetti che riguardano il comune, il resto va direttamente a Roma. Un qualunque procedimento dove una delle due parti raccoglie tutto per poi reinviare è, imho, macchinoso.
Va beh che per quel che mi riguarda è macchinoso, nonché inutile, anche il solo fatto che esistano comuni, province, regioni e poi Stato, soprattutto in un paese dove in teoria l'economia e l'erogazione di servizi sono centralizzati.

Sì, viene fatto così... Ma Roma non si fida dei comuni e così incassa per tutti e poi ridistribuisce in base alla grandezza dei comuni. Così facendo però dai spazio ai furbetti.
Se i soldi andassero prima ai comuni e i comuni poi inoltrano parte della tassazione alla provincia e la provincia a sua volta a Roma, i comuni avrebbero più voglia di cercare i furbetti ;)

DeeoK

Mentre invece i ricavi, essendo calcolati da ultimi, vengono tassati solo in Irlanda, giusto?

DeeoK

Infatti sapevo che l'Italia aveva proposto di far sì che le società che vendono servizi online fossero tassate secondo il paese in cui operano a prescindere dalla sede fiscale.
Il discorso che fai in realtà è già in atto in pratica in Italia in generale, ma essendo un paese teoricamente centralizzato la percentuale di tasse che va allo Stato è maggiore di quella che va al comune. Dico teoricamente perché poi in pratica è un bordello di frammentazione atroce. Quanto meno quest'ultimo governo sta cercando di centralizzare sempre di più.

Markk

Semplice. Tassi il 50% delle ENTRATE come tu stato l4dro (stato=politici, amministratori) fai a tutti i cittadini che lavorano eccetto alcuni parass1ti noti. Politici europei cialtroni, vergognatevi.

Ikaro

Si parla di multinazionali digitali, tranquillo che non sono aziende in perdita :D

mollp

Ma nel caso 1 riusciresti però ad abbattere l' imposta sul reddito, quella sul fatturato non sarebbe mai maggiore del 5% in ogni caso (ovvio che è sempre maggiore di quello che pagano ora). In sostanza: eviti l' imposta sul reddito, non riesci ad evitare quella sul fatturato, di misura molto inferiore. Nel caso 2 l' utile viene tassato altrove, in paesi extra UE, al fisco irlandese va la tassazione residuale. Resta da capire in che via vada applicata e se debba essere applicata parallelamente all' imposta sui redditi.

Con questo sistema, puoi avere la sede anche in USA che non cambia niente. Al momento ce l'hanno in Irlanda (paese dell'UE per mostrare l'incompetenza dei politici) perché pagano poche tasse.

Con questo sistema, i soldi non finirebbero in Irlanda ma si fermerebbero in Italia per quanto riguarda il suolo italiano. In Irlanda poi non dovrebbero più tassare niente... Se pensi é assurdo che una compagnia informatica che offre servizi offline possa avere una sede fisica per le tasse.

Lo stesso sistema dovrebbe essere applicato anche per tassare le persone (come si fa in Svizzera ad esempio):
- Se il comune X con 5000 abitanti tassa 5000 abitanti, i soldi dovrebbero andare al comune, non a Roma. In base a quello che il comune incassa, una percentuale dovrebbe poi andare a Roma.
A quel punto, ogni comune sarebbe interessato a far pagare le tasse ai propri cittadini.

DKDIB

Avere la sede in un (semi-)paradiso fiscale è solo un aspetto della questione e si potrebbe aggirare anche solo con la proposta estone.

Il problema più grande è però un altro, dal momento che queste aziende riescono a non pagare le tasse, nemmeno nei suddetti paradisi...
Tassare i fatturati infatti, anche se potrebbe apparire come una bestemmia, servirebbe ad arginare una bestemmia ancora più grande: i trasferimenti interni alle multinazionali.

Nella "old economy" è una cosa assolutamente normale, lecita e trasparente: FCA produce un telaio in Polonia, la fabbrica polacca lo vende ad una italiana (sempre di FCA) e quest'ultima usa il semilavorato per l'assemblaggio d'un veicolo.
Se però la multinazionale vendesse, internamente, dei servizi, potrebbe assegnare a questi ultimi un valore arbitrario, dal momento che non ci sarebbe alcun criterio oggettivo per stimarli. Questo, de facto, consentirebbe di trasferire a piacimento i capitali fra una filiale e l'altra, fino a farli arrivare ad una filiale senza alcuna tassazione...

Francesco Renato

No, la situazione si risolve perché l'azienda pagherebbe ad ogni paese la tassa corrispondente a quanto ha fatturato in quel paese.

Francesco Renato

Nel caso 1 verrebbe tassato il fatturato, non l'utile, quindi dovrebbero pagare anche in caso di perdita, senza poter detrarre nulla.
Nel caso 2 verrebbe tassato l'utile, ma questo sarebbe imputato ai singoli paesi in proporzione ai clienti ivi residenti, evitando quindi una distribuzione di comodo dell'utile che verrebbe altrimenti allocato nei paesi a minore tassazione.

DeeoK

Qui mi sorge un dubbio però: il problema dovrebbe sorgere dal fatto che queste aziende pagano le tasse basandosi sui tassi irlandesi perché hanno lì la sede e da qui nasce il problema degli altri paesi.
In che modo tassare il fatturato cambierebbe la cosa? Sarebbe solo un modo diverso per aumentare le tasse di questa azienda, non di risolvere la situazione.

Repox Ray

E' proprio facendo risultare di essere in perdita o quasi, che fior di multinazionali in Italia hanno eluso un botto di soldi di tasse.

Solaris

Il fatturato è letteralmente la somma delle fatture, cioè tutto quello che ha incassato l'azienda (nell'anno). La proposta è di tassare questo.
Se ci togli tutte le spese ottieni il risultato operativo. E' questo che viene tassato, normalmente.
Se la tua ditta incassa 100 e spende 90, normalmente vai a pagare le tasse sul 10 rimanente, ma se passa la proposta... ;)

Raphael DeLaghetto

No, il fatturato e una parte dei ricavi, nonostante sia la fetta maggiore dei ricavi...

qandrav

"Nel corso del weekend si è svolta a Tallin, Estonia, la conferenza Ecofin, a cui partecipano tutti i ministri dell'economia dell'area euro, in cui sono state presentate le prime proposte informali"

Siamo al 20 settembre 2017 e ancora sono alle proposte informali, peccato che su internet se ne parli da circa 5 anni o anche più. Complimenti vivissimi ai politici coinvolti

Raphael DeLaghetto

Ma in italia e incostituzionale tassare sul lordo..

DeeoK

Puoi spiegarmi meglio quale sarebbe la differenza?
Alla fine il fatturato non è la somma dei diversi ricavi?

mollp

Secondo me non risolvono niente in entrambi i casi:
Caso 1: l' aliquota non sarebbe al pari di quella sul reddito delle società e probabilmente potrebbero anche accumulare perdite strategiche in alcuni mercati per portarle in deduzione negli esercizi seguenti.
Caso 2: non risolve il problema alla base, ossia che l' imponibile viene ridotto a zero e tassato in qualche paradiso fiscale (Apple ha la sede europea in irlanda ma il domicilio fiscale da qualche altra parte).
Comunque i tempi sono lunghi e si può già escogitare un altro meccanismo per eludere il fisco.

Anto71

A ma tanto si son già messi sul buono aumentando il costo dei prodotti destinati ai nostri mercati.

turbognu

si ma meglio che non tassarle per niente.. se metti le tasse sull'utile ma loro l'utile non lo fanno perché lo mascherano in qualche modo i risultati sono che non pagano una cippa

Dr. Freudstein

Tassare i fatturati e non i ricavi significa creare una specie di IRAP europea, cioè una rapina vergognosa. Vuol dire che si tassa anche le aziende in perdita.
Stato ladro 2.0

Come e perché smaltire rifiuti tecnologici: lunga vita al bidone barrato #report

WhatsApp vietato ai minori di 16 anni in Europa

TicWatch Express e TicWatch S: Android Wear anche per correre | Recensione

Recensione Amazfit Bip: è lo smartwatch da battere