HTC Vive Standalone con Snapdragon 835 annunciato in Cina

27 Luglio 2017 13

Si è parlato in più occasioni del possibile arrivo di una versione del visore HTC Vive completamente svincolata sia dai cavi di collegamento al PC, sia della necessità di basarsi su un dispositivo esterno per funzionare correttamente. L'ipotesi si è da poco trasformata in realtà, anche se l'utenza europea, al momento, ha poco di che gioire, trattandosi di un prodotto destinato al mercato cinese.

Il visore di realtà virtuale si chiama molto semplicemente HTC Vive Standalone, viene descritto come un dispositivo di fascia premium e sarà in grado di eseguire le app della piattaforma HTC Viveport. A rendere indipendente il Vive standalone è il SoC Qualcomm Snapdragon 835 integrato. Qualcomm ha un ruolo rilevante nel progetto basato sul reference design che lo stesso chipmaker ha messo a punto, prevedendo, tra l'altro un sistema per il tracking della posizione dell'utente.

Allo stato attuale non sono noti ulteriori dettagli sulle caratteristiche tecniche, sul prezzo e sulla data di commercializzazione. HTC, verosimilmente, fornirà tali informazioni nei prossimi mesi, dopo il sintetico annuncio effettuato in occasione della fiera ChinaJoy. E' però opportuno ricordare che si tratta di un visore differente rispetto a quello standalone compatibile con Daydream annunciato da HTC in primavera. Il Vive Standalone, infatti, non integra il Play Store di Google.

L'unico vero Note? Samsung Galaxy Note 9 è in offerta oggi su a 539 euro oppure da Coop Online a 649 euro.

13

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
mmorselli

Se avesse un SO proprietario ed ottimizzato per i giochi e la VR sarebbe tutto di guadagnato, tanto i giochi VR per smartphone sono tutti scritti con Unity, si adatta il sistema di tracking, si ricompila e via. Potrebbe implementare soluzioni hardware difficili da gestire in modo ottimale con Android, come l'eye track o un single pass stereo ottimizzato.

D3stroyah

Non sapevo proprio, grazie

mmorselli

Viveport ha fondamentalmente una selezione di titoli che trovi in buona parte anche su Steam, per il mercato internazionale, che ha un'offerta interessante soprattutto per chi si affaccia la prima volta alla VR, perché con 8 euro al mese ti fa scegliere 5 titoli tra un centinaio, tra cui alcuni di pregio e decisamente più costosi.

Simone

Ha 3/4 di teraflps di HPU + l'atom...
Ovvio, il calcolo che severe fare è molto complesso

Ezio

per fortuna che c'è Qualcomm. e se questo progetto funziona forse faranno un hardware dedicato al VR in futuro

manu1234

La potenza della HPU ê di 1.2 tflops, poi è limitato dal non supportare le dx12 a dalla cpu di cacca

spad

nemmeno lontanamente. Si attesta sulla potenza di un cellurare di fascia alta. Se vai sopra i 150k poligoni in scena comincia a scricchiolare vistosamente

davidemo89

no, viveport funziona tranquillamente in europa e molti giochi (o epserienze, tipo quella di google il miglior corto metragio per il vr) li trovi solo su viveport

lebi77

non i tripla A chiaro ma qualche indi magari sì, l'835 a spanne e manazze va come una Switch

Simone

HoloLens ha quasi la potenza grafica di Xbox...

D3stroyah

non capisco il suo ruolo...viveport da quel che ricordo è una piattaforma solo china con giochi sviluppati ad hoc per il loro mercato. Non integrando play store suppongo sia un altro device da quello che uscirà in coop con google con worldsense per l'inside out.
In ogni caso non arriverà mai da noi direi.

foxlife

E si perchè sicuramente farebbe girare i giochi presenti su steam.

lebi77

Indecente, un visore standalone nè compatibile x86 (quindi Steam) nè con il Play Store.

Surface: tutte le novità presentate da Microsoft

Recensione Amazfit Verge Lite: ottimo smartwatch ma vale la pena comprarlo?

TIM, ecco le prime offerte 5G: dettagli e smartphone disponibili

Apple, tutte le novità della WWDC 2019