Il governo tedesco pensa ad una multa di 500.000 Euro per ogni post falso non cancellato dai social network

18 Dicembre 2016 371

Inutile nascondere che viviamo in tempi non particolarmente illuminati, nei quali la comunicazione massiva, ormai integrata e irremovibile dalle vite di tutti coloro che accedono regolarmente al web, gioca un ruolo quasi impensabile, se non nei più ispirati romanzi distopici, solo 15 anni fa. Ogni giorno utilizziamo la rete, ma principalmente i social, per informarci, approfondire i nostri interessi, svagarci e comunicare con una platea di persone potenzialmente grande quanto tutta l'utenza della rete.

La velocità con cui circolano le idee, il disconoscimento della preparazione personale in favore dell'ideale secondo cui "il mio pensiero vale come il tuo in ogni caso, è una mia idea" (spoiler: non è così, altrimenti ci basterebbe formulare pensieri invece che studiare e costruire una cultura), la ricerca di risposte che scarichino l'utente dalle proprie responsabilità di cittadino, e molti altri fattori, hanno contribuito a far registrare un incremento impressionante di post e pagine basate su notizie false, spesso messe in circolazione con lo scopo di generare profitto sulla cresta della rabbia provata da chi si sente schiacciato e con le spalle al muro.

Il fenomeno è diventato talmente diffuso e preoccupante da mettere in moto gli ingranaggi che dovrebbero portare ad una sorta di censura di alcuni elementi dei social network, o meglio di tutte le notizie etichettate come false e istiganti all'odio. Questo a causa del fatto che, per un utente poco esperto della rete diventa sempre più difficile riuscire a distinguere una notizia falsa da una vera, un errore da una manipolazione e così via, motivo per cui Facebook, ad esempio, ha messo a punto una serie di provvedimenti atti a combattere le notizie false, grazie alla collaborazione con enti di terze parti che possano aiutare Facebook nell'opera di fact checking.

Tuttavia sembra che, secondo il governo tedesco, le misure messe in campo dal social network blu non siano in grado di garantire una pronta rimozione dei contenuti incriminati e, soprattutto, non garantiscano che il fatto non venga reiterato. Per questo motivo l'attuale coalizione di governo ha proposto una misura punitiva nei confronti di tutti i social network, con particolare riferimento a Facebook, stando ad alcune dichiarazioni dei membri socialdemocratici, che preveda una multa di 500.000 Euro per ogni post falso che possa istigare all'odio e che non venga rimosso entro 24 ore dalla segnalazione. La misura include anche un tetto massimo di 10 milioni di Euro di multa per ogni singola società e prevede che, nel caso in cui venga richiesto, anche la parte lesa possa essere compensata con un risarcimento di entità simile a quello della multa.

Oltre a ciò, potrebbe essere richiesto che ogni piattaforma social apra un ufficio in Germania, il cui scopo è quello di restare operativo 24 ore su 24, 365 giorni all'anno, in modo da gestire tutti gli aspetti legali e che possa intervenire alla rimozione mirata del contenuto. Per finire, il provvedimento valuta anche la possibilità di richiedere una sezione pubblica, su ogni pagina social, che permetta agli utenti di scoprire l'esatto numero di reclami fatti e il numero di quelli risolti, in modo da mettere sotto gli occhi di tutti la loro efficienza operativa. Ovviamente questo discorso non vale solo per Facebook, ma è indirizzato anche verso YouTube e Twitter, quest'ultimo ormai letteralmente incontrollabile, e, in qualche misura, anche all'algoritmo di ricerca di Google, colpevole di non censurare abbastanza i contenuti che istighino all'odio e che diffondano messaggi di violenza.

La proposta del governo tedesco è chiara e ha certamente lo scopo di imporre un freno all'enorme diffusione di notizie pericolose che possano condizionare in negativo l'esperienza di navigazione (e non solo) dei cittadini tedeschi, tuttavia non può che apparire come un tentativo disperato e frettoloso, in grado di non produrre il risultato sperato. In primo luogo viene colpito il mezzo e non la fonte; in questa situazione, sempre usando Facebook come esempio, il social network dovrebbe esaminare tutti i post dei 36.8 milioni di tedeschi iscritti al servizio, una misura senza dubbio costosa e che potrebbe interferire negativamente anche sulle prestazioni della già poco acclamata (sotto questo punto di vista) piattaforma.

In secondo luogo, l'utente colpito non avrebbe alcun tipo di malus, dal momento che se il suo scopo è quello di diffondere cattiva informazione gli basterà creare un nuovo account e riprendere da dove aveva lasciato. Come terzo punto, ultimo ma forse il più importante, l'attuazione di un sistema simile potrebbe portare ad un precedente pericoloso: forse oggi siamo in grado di decidere cosa sia da considerare giusto e cosa rappresenti l'odio, tuttavia questi sono concetti che, come ha mostrato spesso la storia, sono difficili da mantenere universali, per cui un sistema che porti alla censura di ciò che è scomodo può facilmente rivoltarsi contro. D'altronde La guerra è pace, la libertà è schiavitù, l'ignoranza è forza.

Fotocamera Wide al miglior prezzo? LG G7 ThinQ è in offerta oggi su a 349 euro.

371

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Facepalmm

Ma infatti io non mi sto scagliando contro chi critica con argomentazioni valide, lo sto facendo solo contro quelli che criticano con falsità, perchè disinformano. Vedi ad esempio quelli ripetono fino allo sfinimento il discorso di ste benedette scie chimiche e poi quando gli mostri che le uniche interrogazioni parlamentari sull'argomento le hanno fatte pd-pdl e i loro amichetti, tacciono e spariscono.

Facepalmm

Ahahah pur di trovare l'ago nel pagliaio ora vi mettete a diffondere montaggi di spezzoni di video con qualità discutibile e ipertagliati. Il video intero dov'è??? Stase li sempre a gridare "GOMBLODDOOO" e poi vi mettere a creare ste cose ad hoc, in stile Iene, inserendo solo le parti che portano acqua al proprio mulino. Dai almeno siete comici :)
Come dice un commentatore del video, Grillo stava semplicemente parlando del fatto che discutendo di questi complotti si finisce a fare discorsi completamente ridicoli e senza alcuna argomentazione. Li chiama "buchi neri" semplicemente perché a parlare di queste cose non se ne esce più.

Elias Koch

in tutta onestá, la prima volta ci stavo cascando anche io, per fortuna l'articolo era troppo improbabile per fidarsi ciecamente.

qandrav

:)
eheheheh
mi ero dimenticato uno smiley prima XD

Ikaro

Grandissimo

qandrav

pensa pure quel che t pare
anzi già che c sei buttati veramente nel sole

Ikaro

Forse ti ci senti superiore, ma anche se fosse?... Sicuro non hai capito na mazza di quello che ti ho detto

qandrav

sicuramente superiore al tipico utente feisbucaro

Fabyo

Non hai capito. Certo che ho cambiato idea, ma di base non mi scaglio come certi soggetti contro chi la pensa diversamente e rimango aperto al dialogo. Cosa che invece in certi modi di porsi manca completamente, si offende gratuitamente come se si fosse gli unici illuminati, per poi dire "ho cambiato idea" come se non avessi detto nulla fino a prima. E' questo atteggiamento che fa perdere ogni valore a tutto quello che dici.

Davide

la carne non è cancerogena, al limite, se presa in quantità eccessive, può essere un fattore di rischio per l'insorgenza di tumori. Ma occhio, non è che di per sé sia dannosa. L'aumento del rischio è altresì legato alla naturale probabilità di insorgenza del tumore. Diciamo che tu hai una probabilità x = 0.02 (2%) di sviluppare un tumore al polmone e che la carne aumenta questo rischio del 10% (stima per eccesso). Arriveresti ad avere una probabilità totale di 0.022 (2.2%), ossia praticamente uguale a chi di carne non ne assume.
Parti inoltre dal presupposto sbagliato. Se fossimo erbivori, come tu sostieni, come mai abbiamo canini e incisivi? Vai a guardare la dentatura di un cavallo e poi confrontala con la tua. Noterai sicuramente delle differenze. Se poi analizzi lo stile alimentare degli erbivori veri, noterai ulteriori differenze che confutano la tua teoria. Perché questo? Perché l'uomo è onnivoro, ossia si nutre sia di carne sia di vegetali. Come i maiali, i ricci, i babbuini, i topi ecc. insomma.
E' altresì evidente di come l'evoluzione dell'uomo sia stata "spinta" dalla disponibilità di carne e dal maggiore apporto di proteine che essa porta. Il cervello umano e le sue abilità si sono sviluppati proprio in conseguenza di un cambiamento nello stile di vita alimentare, soprattutto nel continente europeo, che di fatto ha dato vita alle civiltà più evolute della storia. Non è un caso che dove si sia trovata una maggior disponibilità di cibo e di proteine animali siano sorte le civiltà più importanti. Chiediti come mai in africa avevano ancora le tribù quando gli europei sono andati a conquistarli coi fucili. Idem per i nativi americani.
In conclusione, tutto dipende "dall'uso" che si fa della carne. Se ne mangi giorno e notte, conducendo uno stile di vita sedentario e senza variare la tua dieta è sicuramente più probabile che ti possa ammalare rispetto ad una persona che agisce diversamente.
Bisogna altresì dire che sebbene uno mangi vegano per una vita intera, ha all'incirca le stesse probabilità di sviluppare un tumore di uno che invece mangia carne senza abusarne.

Alessandro

mi spiace informarti che si, la carne è cancerogena. Almeno per noi umani. E me ne dispiace abbestia perchè è davvero buona, ma la nostra dentatura, la forma e la lunghezza del nostro intestino ecc ecc sono la riprova che siamo nati e siamo tutt'ora erbivori. Chiaro che il fegato smaltisca praticamente tutte le tossine, ma le restanti si accumulano nei decenni e alla fine ci scappa il tumore da qualche parte.
Poi si, ok.. sti c422i!!!

Facepalmm

Tu non hai mai cambiato idea nella tua vita su qualcosa? Non hai mai sbagliato? Stephen Hawking addirittura ha ammesso di aver sbagliato su alcune sue teorie correggendo dopo anni l'errore. Per te a questo punto sarebbe poco credibile?
Ma a te in fin dei conti non te ne frega nulla, però commenti.... :)

M3r71n0

Assolutamente, anche perchè sarebbe un passo nella direzione giusta.
Sensibilizzare gli utenti.

CMDaniel

Non sapevo cosa fosse il fattoquotidaino e pensavo fosse un errore di battitura:)

CMDaniel

Poteva essere un errore di battitura per quanto ne so io... E anche per quanto ne sai te.

CMDaniel

Se uno scrive il fatto quotidiano si collaga al giornale sai... Solo loro intelligenti...

Cristian Carallo

Grazie mille, molto gentile.

Elias Koch

toh' ecco qualcuno che rilinka il fatto quotidAino senza accorgersene

Elias Koch

beh, in germania é da sempre attivo un filtro che elimina tutti i siti che fanno revisionismo storico sull'olocausto, non puó essere fatta disinformazione su quel tema in germania, il rischio é troppo grande. Per ora non hanno abusato dei filtri come invece succede in usa o cina

Elias Koch

bravi bravi bravi. Speriamo spariscano un pochino di post spam da fb.

Antonio Mariani

concordo :D
ma anche disqus è una forma disocial
insomma...tutto tranne che facebook

Davide

libero di credere alla terra piatta, alle scie chimiche, ai complotti farmaceutici, ai massoni, agli illuminati, alle basi lunari, agli alieni, alla carne cancerogena, al cibo vegano che ti allunga la vita e al reddito di cittadinanza.
Penso siano cose che di per sé ti qualificano come individuo.

Alessandro Finotto

Io nel mio piccolo commento tutti i post bufala dei conoscenti che hanno il "condividi facile". Glielo evidenzio anche in modo aggressivo e quasi denigratorio, oltre a fargli notare che stanno diffondendo ignoranza... In alcuni riesco a instillare una certa paura a postare per non subire le mie accuse. Quelli semi-furbi mi bloccano! ahahahah

Alessandro Finotto

insomma, le fonti lucrano con i click e la pubblicità... infatti facebook avrebbe intenzione di non bloccare ma di evidenziare le bufale e bloccare le pubblicità collegate

dario

sono d'accordo, è tutto complicato purtroppo e sicuramente campagne antibufale andrebbero condotte con maggiore visibilità e convinzione.

TheFluxter

Più che altro la gente dovrebbe imparare a seguire le regole base di un sito, come ad esempio Tripadvisor o Amazon..dove si possono leggere alcune recensioni fatte da alcuni utenti totalmente fuori luogo

gaelom

Contento di non usare social

Nickever Professional™

oscurare le bufale è già di per se un grosso passo avanti, servirà a tutelare comunque l'intelligenza umana (o meglio non far uscire fuori la loro stupidità) e se poi inizieranno a pensare ai complotti vari riguardo il mettere a tacere la libertà di voce e quant'altro allora potranno andare a fare in cul0 dato che si fa per il loro bene.

Ikaro

Da sempre l'uomo spara caxate, la nostra stessa religione si basa su caxate, la nostra politica, i tg, le pubblicità in televisione e chi più ne ha più ne metta le leggi per calunnia diffamazione e frode esistono già, come anche per la pubblicità ingannevole e possono essere applicate anche al web, questo sono paletti di controllo mascherati da cosa buona...battono le notizie false con notizie false :)

Otacon

"Glielo hanno già regalato..." in che senso? non devi essere tu a regalarlo a lei???

TheRaptus

... Ma l'avete letto l'ultimo post di John Gambardine???

Ikaro

Esseri inferiori? Ahaha ma te chi caxxo sei?
Conosci la libertà di parola? Dovresti visto che se si applicassero le tue "regole" non potresti scrivere...

Danny #Mainagioia

Non lo farò mai :)

qandrav

eh non funziona così.
hanno voluto creare il web 2.0 in cui ogni str0 nzo ig no rante ha lo stesso diritto di parola di chiunque altro? questi sono i risultati.

Stesso dicasi delle rece su amazon o tripadvisor, se si lascia libertà di parola agli esseri inf eriori si otterrà sempre bu fale/st ronz ate di ogni tipo

Andrew23

Giusto per curiosità (ovviamente se ti va di rispondermi), che tipo di studi hai fatto? :)

The Dark Master

Leggi con più attenzione.

SalvaJu29ro

Quelle che pubblicano gli over 40 però sono praticamente tutte bufale

Marco Revello

Vedi che come idea non era campata in aria?
Poi se tu non ci dici che lo ha già, chiedendo a casaccio rischi sempre di fare un regalo doppio :)

Danny #Mainagioia

Ma fatti una camomilla, genio.
E sarebbero gli altri gli stupidi...

Francesco Sorge

Eccone uno!

sati-reborn

Tanto qui in Italia possiamo stare tranquilli che ci sta matteo renzio che ci da la phyka bianca

CMDaniel

Cosa ti ha fatto il fatto quotidiano?

Massimiliano Koltrast

facile: se le notizie condivise sono del sito fattoquotidaino o altri siti simili, facebook dovrebbe impedire la condivisione di notizie da quel dato dominio con la conseguente eliminazione di ogni condivisione di quei siti marchiati come cancro della società. esattamente come fa con i siti porno o i siti di torrent.

mtmattia

Il social è morto da quando hanno iniziato a specularci le diverse aziende (e Facebook in primis) in quanto il social ormai è diventato al 100% il miglior modo di "vendere" per la facilità con cui le informazioni si estendono, è normale che maggiore disinformazione crei e meglio vendi qualsiasi cosa, danneggiando gli altri e l'acquirente stesso (che possa essere bene materiale, intellettuale, a pagamento o gratuito) il problema principale è la mole di schifo che c'è e che è quasi impossibile rimuovere in 24 ore partendo da 1 sola segnalazione rispetto alle tonnellate di segnalazioni fatte in un social ogni minuto, a volte anche su ciò che è reale solo per il gusto di danneggiare il prossimo

mtmattia

Non è gente stupida, è superficiale

il Gorilla con gli Occhiali

Ogni scusa è buona per prendere soldi.

floc

facebook fa il grano, facebook controlla, in questo caso il mezzo e' piu' colpevole della fonte visto che difficilmente la fonte guadagna direttamente.

Arch Stanton

Mi riferivo ai politici, nessuno di loro propone punizioni per i telegiornalisti che raccontano balle.

Arch Stanton

No, per me non deve essere punita. Sono certo che l'idea di eliminare le notizie false si trasformerà a breve in una punizione per i "non allineati" al pensiero politico, religioso, economico etc...

Babi

Se questo porterà a chiudere Facebook...sono dalla loro parte!! :)

Surface: tutte le novità presentate da Microsoft

Recensione Amazfit Verge Lite: ottimo smartwatch ma vale la pena comprarlo?

TIM, ecco le prime offerte 5G: dettagli e smartphone disponibili

Apple, tutte le novità della WWDC 2019