Tolino Vision 3 HD: la nostra recensione

26 Aprile 2016 99

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Credo che Vision 3 HD sia il primo Tolino ad arrivare sul mercato italiano senza il peso dell'anonimato. Questo marchio europeo, l'alleanza tra librerie e librai, tra piccoli e grandi, uniti per fare le scarpe ad Amazon - con successo! almeno nel mercato più grosso, tedesco - è ormai in Italia da 2 anni e da 3 lettori. Tutti validi, bisogna dirlo, ma sempre visti come alternative ai Kobo e ai Kindle.

Tolino Vision 3 HD è un top di gamma. Costa 159 euro ed è in vendita da oggi su IBS e Libraccio. Sarà uno dei protagonisti del 24° Salone del Libro di metà maggio. Se la gioca con Kindle Voyage e Kobo Aura H2O, ed è superiore per costruzione, raffinatezza e funzionalità al modello più diffuso, ovvero Kindle Paperwhite 3. Migliore perché:

  1. È resistente ai liquidi con la tecnologia HZO (non intendo impermeabile: qua l'acqua entra, può arrivare sulla scheda - tanto che se lo immergete vedete proprio le bolle uscire dalla porta microUSB e se poi provate a scuoterlo sentite quella rimasta dentro - senza fare danni).
  2. Pesa meno (174 vs 205 grammi), è più sottile (8.1 vs 9.1 mm), è meglio rifinito ed ha un vetro a filo, da parte a parte, senza scalini e quindi senza polvere e senza effetto ombra.
  3. Si usa meglio con una mano perché al di là delle dimensioni e del feeling ha quella cosa magnifica chiamata Tap2Flip, ovvero il poter cambiar pagina con un colpetto sul retro. Non è una soluzione definitiva, non è perfetta, a volte tentenna, ma è la migliora alternativa ai tasti laterali vecchio stile. Tap2Flip è più pratico, tra l'altro, del sistema a sfioramento di Kindle Voyage.

Schermo E-ink, illuminazione e reattività sono identici. Anzi mi pare che il pannello E-Ink Carta da 300 PPI e 1448 x 1072 px sia, su Vision 3 HD, meglio illuminato, o forse con illuminazione dei 5 LED meglio diffusa grazie al vetro di copertura. Ha 4 GB di memoria con 2.1 GB liberi per 2000 e passa libri. Ha WiFi per lo scaricamento dei libri e la sincronizzazione di tutto, delle note e dei segnalibri, delle evidenziazioni e dell'ultima pagina letta, degli aggiornamenti. Da buon E-Ink Regal, non ha tracce dell'effetto ghost anche senza aggiornamento completo della pagina.

Proprio come si fa su Kindle, potete comprare i libri direttamente dal lettore, sfogliano il catalogo IBS e le sue categorie oppure quello Libraccio oppure quello di IndieBook - ma anche comprare dove volete, anche su Amazon se poi sapete come convertire da .mobi (cercate Calibre su Google) e poi caricare i libri dal PC o dall'app per smartphone e tablet Android/iOS. Tolino offre spazio cloud illimitato per gli acquisti dalle sue librerie, e ne regala 5 GB per tenere i file personali. Si possono gestire fino a 5 dispositivi, si può iniziare a leggere su eReader e poi finire sul tablet, magari passando dal pc sfruttando il webreader, utile sui convertibili con Windows.

Macro pannello E-Ink

Rispetto al passato vedo un sistema più maturo, un ambiente meno ambiguo e più diretto, opzioni semplici, una interfaccia che è rimasta pulita; Tolino sta facendo le cose nel modo giusto e a trarne vantaggio siamo anche noi italiani. Magari vorrei un sito IBS più responsive, dedicato al lettore e non solo con immagini e menù adattati. Tutto è migliorato (mesi fa servivano più login per comprare) ma si può ancora lavorare.

Peccato che non si leggano i CBZ/CBR, ovvero gli archivi dei fumetti - di fatto solo i lettori Kobo, tra i big, li supportano - perché si taglia fuori tutta una serie di utenti interessanti a manga, Diabolik, Alan Ford e compagnia bella. Il "formato Bonelli" resta difficile su 6 pollici, questo va detto. E ingrandire vignetta per vignetta non è il massimo. Lo stesso discorso vale per i PDF, dove tra l'altro Tolino fa bene due cose (la funzione di estrazione del testo e salvataggio in TXT - vedi la videorecensione, e il reflow) ma male tutte le altre.

C'è un touch capacitivo quindi il pinch-to-zoom è possibile, ma è inutilizzabile quando ci sono di mezzo immagini, schemi, disegni o impaginature multi-colonna tanto è impreciso e lento. Girare il display, ruotare la UI e sfruttare il lato lungo aiuta, ma insomma siamo alle solite, e per i PDF ed i fumetti non si deve scendere sotto gli 8 pollici.

La formattazione del testo è come la precedente. Di fatto, Tolino Vision 3 HD è un Tolino Vision 2 HD con schermo migliore e software più aggiornato. Quindi abbiamo 7 dimensioni, 6 font, 3 livelli di interlinea, margini e allineamento. Si possono aggiungere note con una certa facilità, perché la tastiera su schermo è comoda e larga, si può sottilineare e cercare tra i vocabolari di diverse lingue (per l'Italia c'è lo Zanichelli del 2014) o provare una traduzione letterale. Non voglio tanto soffermarmi su queste cose perché sono davvero molto semplici e intuitive, spiegate con dei pop-up nei primi minuti.

Carino anche il browser web, una volta tanto accettabile per leggere le pagine semplici. Io lo uso di tanto in tanto per loggarmi su Pocket - ma non è la stessa cosa: a Tolino serve un'integrazione con un software così, o qualcosa come Send-to-Kindle).

A voi esperti smanettoni faccio notare che Tolino Vision 3 HD, come il 2, usa Android 4.0 ICS, e che ci sono modi per ottenere accesso root passando da fastboot. Così, si riescono ad installare apk Android, quindi quel che volete nei limiti hardware del dispositivo (Freescale i.MX6 a 1 GHz e 512 MB di RAM) e ottenere flessibilità. Online trovate il mondo. Tra l'altro il lettore usa una memoria NAND Sandisk e touch Elan, su una batteria da 1500 mAh per 7 settimane di autonomia stimata. Lo ho da 7 giorni ancora con la carica di fabbrica: non l'ho mai collegato alla corrente e vedo ancora il 38% di batteria.

Considerazioni finali

Per tornare sul discorso di inizio recensione, Vision 3 HD è un rivale di Voyage, più che di Paperwhite 3. Ha qualcosa in più di questo e del nuovo Oasis (resistenza ai liquidi, tasto on/off per la luce, tap2flip, peso) e qualcosa in meno nella capacità di offrire un ecosistema software e quindi di acquisto e gestione dei libri meno limato, meno bello, meno efficiente.



Ma ci sta: in primis perché il suo obiettivo è essere libero dai vincoli di una sola libreria, di un solo fornitore, e poi perché già arrivare ad impensierire Amazon è un merito che giustifica molto. Per costruzione e resa pratica se la gioca con tutti: poi si può preferire per il gusto personale, per la voglia di provare, per la funzione che qua c'è e là no, o per il contesto in cui si andrà ad usare, a leggere.

Consiglio a tutti di passare ad un modello illuminato come questo, ad un modello tanto nitido come questo e di preferire qualcosa di stiloso se si fa attenzione in queste cose. È vero che la magia degli ebook reader è nel far scomparire tutto quello che resta fuori dai 15 cm dello schermo (immergersi nella lettura approfittando di una tecnologia monopagina che fa perdere la misura del tempo - tutti i lettori digitali possono confermarlo), ma un po' di stile e di piacevolezza estetica deve esserci anche qui - e pare che anche Amazon l'abbia capito proprio adesso. L'ultima raccomandazione è sul prezzo: un eReader si cambia ogni 3/4 anni, ci sono davvero pochi casi in cui è consigliato aggiornarsi spesso, quindi non date troppo peso a quei 20/30 euro di differenza.

Tolino Vision 3 HD costa 159 euro su IBS e Libraccio.

Il vero top gamma Nokia? Nokia 8 è in offerta oggi su a 270 euro oppure da Media World a 329 euro.

99

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Daniele Daswolf

Salve secondo voi ha ancora senso prenderlo anche usato nel 2018, senza spendere una follia sul nuovo?

Marco Cavani

Il Tolino vision 4 HD è molto fragile. Il mio schermo si è rotto subito, senza che l'oggetto fosse stato urtato o fosse caduto. Non solo non è stato sostituito o riparato in garanzia, ma trattenuto presso ibs da più d'un mese senza alcuna risposta.

Angela Armida

Io sono indecisa tra kobo aura h2O e tolino, il primo, che mi piace di più anche x le dimensioni maggiori mi sembra che
"blinchi" molto più del secondo quando si si tenta di cambiare pagina o qualsiasi altra operazione, è normale, è un difetto, cosa ne pensate?

Vito C.

Dove posso trovare come fare il root? Sul forum di hdblog non ho trovato niente.

Federico Liva

Ma questi CBR e CBZ dove si trovano?

roberto f

Ben detto. Si legge per ciò che è scritto non per il supporto. Se ti piace un libro, lo leggi anche sullo smartphone.

Davide Gamba

Sarei molto tentato all'acquisto, com'è il display? Ho dato indietro 3 voyage perché tutti presentavano il difetto per cui la parte superiore è giallognola mentre quella inferiore bianca/bluastro, insomma illuminazione non uniforme (di cui nessuna recensione parla). Se qualcuno lo possiede e volesse condividere le proprie considerazioni sono tutto orecchie

Michele

Per me conviene ancora acquistare il Vision 2 a 79 Euro, cioè la metà. Alla fine uno schermo HD non è che faccia poi tutta questa differenza per leggere libri di solo testo.
Il resto è praticamente uguale e gli aggiornamenti software sul Vision 2 hanno avuto il loro effetto.

BluowingD

Ottima recensione, sicuramente un ereader poco considerato dagli utenti italiani, ma che meriterebbe più attenzione.

Faccio tuttavia una considerazione: basta con questo dover giustificare l'utilizzo degli ereader con la "teoria" della complementarietà alla lettura su carta. A parte che, pur leggendo parecchio, trovo abbastanza sciocchi coloro che si professano "amanti del libro cartaceo, del suo profumo, del voler sentire la carta" etc. Mi sembrano un pò sciocchezze da chi si vuole atteggiare a gran lettore. In secondo luogo, io sono passato ormai completamente alla lettura di ebook per indubbi vantaggi pratici: maggiore immersione nella lettura, meno affaticamento (soprattutto per la mancanza di ombre sulla pagina), maggiore trasportabilità, dizionari integrati (in diverse lingue), meno carta usata per essere sfogliata una volta e poi essere lasciata sulla mensola.
Premesso ciò, quello che volevo dire era semplicemente questo: chi non se lo vuole comprare, non se lo compri e basta, un ereader. A guardare bene, tutte le giustificazioni addotte per sminuire la bontà degli ereader sembrano davvero inutili fisime della gente. La differenza carta-digitalè è, ovviamente, indiscutibile quando si parla di libri antichi, manoscritti, prime edizioni etc. Tra un'economica Newton-Compton e un ebook, invece, non sarebbe nemmeno da starci a pensare. Poi se si vogliono sfoggiare i libri sulla mensola per farsi belli, beh, quella è un'altra questione...

Max

Se interessa il Tolino Vision 2 adesso sta in offerta a 79 euro su ibs e libraccio... Anche se non è l'ultimo pannello carta direi che è un ottimo prezzo!

Riccardo P

Bella domanda. Io prenderei il Tolino perché preferisco il Tap2Flip per cambiare pagina la sera a letto e perché non ho un grande libreria Amazon, ma credo che Voyage sia più consigliabile e ora finalmente offerto al giusto prezzo.

Antonino

Riiccardo, a parità di prezzo tra tolino 3 hd e Voyage (è in sconto fino a giovedì), tu quale consiglieresti?

Kevin

Ciao, ho letto timeline e mi è piaciuto parecchio, grazie. Effettivamente il quarto libro (il primo della nuova triologia) di Hyperversum è spudoratamente copiato (scena del mulino)!
Però considerando la serie nel complesso continuo a preferire Hyperversum :)

Samuele Suma

Ho visto che è in offerta Tolino vision 2 a 100 euro. immagino che gli 80 euro di differenza con il kobo aura h2o non valgano la differenza fra i due device, o mi sbaglio? Vorrei acquistare un ereader, ma non so su quale puntare. (i kindle con il loro sistema chiuso non mi attirano affatto) consigli?

Gabriel.Voyager

si pensavo anchio di orientarmi sul voyage,mi sembra molto più premium del tolino, poi così provo il kindle che è la regina dei book reader e magari poi divento un kindelista convinto dopo anni di Kobo ;)

Pat

Che dire? A me la conversione non sempre riesce bene. Diciamo che con Amazon approfitto spesso delle promozioni del giorno e trovo comodo ritrovarmi i contenuti sui vari dispositivi, specie considerando che ho -oltre ad un account italiano, account statunitense, inglese e spagnolo. Al di là di questo, spassionatamente ti dico allora di farti il Voyage. A meno che impermeabilità e flip2tap non siano vitali per te. Ognuno, in fondo, fa le sue scelte in base a criteri personali insindacabili. :-)
Mi trovi d'accordo sull'Oasis.

Gabriel.Voyager

mi hai frainteso :)
per conversione intendevo la conversioni degli acquisti effettuati su Kobo per leggerli sul Voyage, perchè se acquisto non vorrei che il mio acquisto rimanesse legato ad un device, non concepisco sui contenuti due ecosistemi separati.
il voyage era uno sfizio per me, per avere il top dei lettori disponibili sul mercato (l'oasis non lo prendo in considerazione perchè non lo reputo il top, troppi compromessi per un prezzo troppo alto).

Pat

Già possedevo un Voyage, sì. Il Glo HD lo presi anch'io il primo giugno ma ha cominciato a bloccarsi all'infinito circa due mesi fa e l'ho dovuto sostituire. Quanto allo smanettamento, non sempre l'impaginazione era di mio gradimento e comunque preferisco acquistare che scaricare, per cui i due ecosistemi separati mi fanno comodo. Sì, a mio avviso la resa a schermo illuminato è migliore sul Voyage. Cerca, se puoi, di vederli dal vivo entrambi prima di acquistare. Su tutti, la cosa più fastidiosa è la poca reattività al tocco del Tolino rispetto al Voyage.

Gabriel.Voyager

Scusa non ho capito, ma tu già possedevi un Voyage?
ti chiedo perchè ho sempre avuto Kobo (mi spiace dei tuoi problemi con il Glo HD, io c'è l'ho dal day one del 1 giugno dell'anno scorso e mai avuto un problema) e mi incuriosiva prendere un Voyage o appunto questo Tolino.
Smanettare con Calibre non è un problema, ho già tutta la mia libreria li e la conversione sinceramente è immediata. mi sembra di capire che comunque per 30 euro in più la qualità del Voyage è superiore al Tolino o sbaglio?

Pat

L'ho atteso molto, specie perché ultimamente ho avuto non pochi problemi -per fortuna in garanzia- col Kobo Glo HD, sostituitomi ben due volte con uno nuovo. Mi serviva qualcosa per gli epub, dato che non sempre ho tempo/voglia di smanettare con Calibre e la funzione Tap2Flip sulla carta mi entusiasmava. Ora che ce l'ho, devo dire di essere contento, in linea generale, ma lo schermo e la reattività del Kindle Voyage -a mio avviso- non le batte di certo. Sdraiato a letto è sicuramente ottimo poter girare pagina battendo sul retro, ma effettivamente alla lunga anche questo stanca. Senza contare che è talmente scivoloso che rischia di sfuggire di mano, almeno con me che ho mani nella media. Quanto allo schermo, il Voyage è decisamente più uniforme quando è illuminato e non tende al blu, come il Tolino. Inoltre, mi sembra di vedere delle righe/ombre più scure sia in alto che in basso alla pagina, che fanno tanto primi modelli illuminati. Sarà un difetto del mio? Girare col tocco sullo schermo non è così immediato e anche il 'tap' sul retro non sempre va a buon fine. Ottima l'impermeabilizzazione. Diciamo, in generale, che -ad oggi- il lettore perfetto non è stato creato. Se non altro, però, si fanno ottimi passi avanti, ancorché lenti da morire. Mi piacerebbe vedere un confronto Voyage-Tolino Vision 3HD per sapere cosa ne pensiate voi.

Diamond Lover

Direi che se fai il root del tolino e ci installi la applicazione Pocket sei a posto :-)

Diamond Lover

Consiglio spassionato: Leggete La via dei Re (Brandon Sanderson) e Il Nome del Vento (Patrick Rothfuss). I miei due autori preferiti!!!

Mario

2k16!!!11!1

fabio

Una qualche funzione wordwise-like?
Sul KPW c'è ed è anche molto comoda. Se potesse essere implementata per tutte le lingue, oltre l'inglese, sarebbe magnifico.

FalcoPellegrini

Peccato per i CBR/CBZ. Per il resto mi pare proprio un ottimo prodotto.
Ci faccio un pensierino.

dicolamiasisi

2 chili?

Giovanni Drogo

Si possono aggiungere ulteriori font?

Alex.D

Non sempre purtroppo!!

Seba

Eh là dipende dalla predisposizione mentale...A me Timeline per esempio è piaciuto abbastanza, ma non c'ho perso le notti a leggerlo, ecco. E' un'idea interessante catapultare personaggi nel tempo (Ritorno al Futuro? XD), ma quando si parla di Medioevo, io tendo a preferire la cura del dettaglio, delle ambientazioni e dei personaggi tipici dell'epoca. Per questo per me il binomio I Pilastri Della Terra/Mondo Senza Fine rappresenta un'esperienza di lettura catartica, il primo l'ho letto forse ormai dieci anni fa, nelle vacanze estive...Beh, praticamente facevo gli orari di un lavoratore leggendo un libro, fai conto te. :-D
Credo che davanti ai Pilastri ci sia stato solo Harry Potter E I Doni Della Morte, divorato in tre giorni, una cosa da malattia. XD

leonardo

magari

Kevin

Allora come stile di scrittura Ken Follet non si batte, punto. Come opera complessiva I pilastri sono più complessi, sia per mole di avvenimenti che intreccio tra i differenti personaggi e generazioni con il secondo libro. È quindi uno dei miei libri preferiti, però Hyperversum mi ha coinvolto molto di più, forse perché è meno distaccato da noi, nel senso che quello che vivono i protagonisti "potrebbe succedere" a chiunque di noi e quini ci si immedesima maggiormente

Alex.D

Si è come studiare su un iPad ... Diciamo che associamo il display ad un'informazione smart e non ad un libro ... Anche per me è così non entri effettivamente nel libro ...

Seba

Ocio eh, se mi citi I Pilastri Della Terra crei aspettative brutali in me, è forse il mio libro preferito, assieme al suo sequel Mondo Senza Fine. ;-)
Lo leggerò senz'altro a questo punto, vediamo un po' com'è.

Seba

Oddio, come dicevo io non sono un fanatico della carta, non mi metto ad annusare i libri ecco...:-D Detto questo senz'altro avere il cartaceo tra le mani dà una sensazione diversa. Sento di avere un libro in mano, non saprei spiegarlo diversamente. Inconsciamente per me leggere sul Kindle è come leggere un pdf informativo, manca proprio il feeling, non c'è niente da fare. Il problema è che è maledettamente comodo.

Simone Camanini

Decisamente interessante, ci farò sicuramente un pensiero. Grazie mille, molto gentile davvero.

Kevin

Riassunto:
Ian e Daniel sono due amici del XXI secolo che vivono come fratelli (Ian è stato adottato dalla famiglia di Daniel dopo la scomparsa dei suoi genitori in un incidente)che hanno la passione comune per un videogioco di ruolo medievale: Hyperversum.
Però un giorno, inspiegabilmente, mentre stanno giocando insieme ad altri quattro persone, si ritrovano catapultati nel vero medioevo, naufraghi sulle coste francesi. Dopo lo shock iniziale inizia un'incredibile percorso in questo mondo sconosciuto (un po' meno a Ian visto i suoi studi di storia) e pericoloso. Mentre cercano un modo per tornare ai nostri giorni si troveranno coinvolti in complotti di corte, guerre, e amore.

Adesso le mie considerazioni:
Anche se ideato per un pubblico giovane, ti assicuro che il risultato è decisamente superiore, perfettamente adatto anche a degli adulti. Le descrizioni sono sempre minuziose ma mai eccessive al punto da rallentare troppo la trama; al contrario ti fanno scoprire diversi dettagli della vita medievale che solo in pochi altri libri come I pilastri della terra ho trovato. Inoltre il libro potrebbe anche essere classificato come romanzo storico visto che la maggior parte dei personaggi e dei casati sono realmente esistiti e questo da quel tocco di realismo supplementare. Ma il punto più forte di questa serie è, a mio parere, è il coinvolgimento emotivo, l'attaccamento ai personaggi che crea nel lettore. Non saprei dire il perché, ci sono libri con personaggi più carismatici, ma mentre leggevo mi sono proprio immedesimato nei due protagonisti, arrivando a temere per le loro vite, sperare che riuscissero a compiere i loro desideri come se fossero delle persone vere.

Kevin

Anche se ideato per un pubblico giovane, ti assicuro che il risultato è decisamente superiore, perfettamente adatto anche a degli adulti. Le descrizioni sono sempre minuziose ma mai eccessive al punto da rallentare troppo la trama; al contrario ti fanno scoprire diversi dettagli della vita medievale che solo in pochi altri libri come I pilastri della terra ho trovato. Ma il punto più forte di questa serie è, a mio parere, è il coinvolgimento emotivo, l'attacamento ai personaggi che crea nel lettore. Non saprei dire il perché, ci sono libri con personaggi più carismatici, ma mentre leggevo mi sono proprio immedesimato nei due protagonisti, arrivando a temere per le loro vite, sperare che riuscissere a compiere i loro desideri come se fossero delle persone vere.

Alex.D

A me manca il fatto di riporre i libri in libreria, di frapporre il dito tra le pagine che mancano da leggere per finire il capitolo... L'odore dei libri!! Ho preso un kobo, per carità valido e comodo, però il cartaceo è il cartaceo... Anche se il kobo lo puoi leggere con comodità ovunque e in ogni posizione

spino1970

cosa vi sfugge nel concetto di testo ridimensionabile? :D

Aster

Non credo e solo pubblicita comunque puoi sempre spegnerlo e usare la classica lampada in ogni caso non avrai problemi come coi tablrt o monitor

Marco

Sono pubblicizzati con lo slogan di evitare danni alla vista perché la luce non è rivolta agli occhi, ma nessuno parla della distribuzione spettrale dei LED usati e del pericolo del picco a 450-460 nm

Mario

Tra un po' arriveranno gli E-book reader 2k...

Aster

Figurati ho letto che il pw3 ultimo modello tende al colore bluastra quando si diminiuscie la iluminazione,io ho pw2 e tolino2 nessun problema di luce blu,sono fatti aposta per non rovinare gli occhi leggendo sul tablet,poi prima di comprare prova o puoi sempre restituire con amazon,

Marco

Era l'ultimo Paperwhite. Boh, forse sono io particolarmente sensibile al problema dei blu dei LED... anche se è una cosa scientifica e dimostrata intendiamoci

Life_XP

Perché in un 6" non riesce a starci nemmeno la pagina di un libro cartaceo normale.

spino1970

motivo?

spino1970

ce l'hai anche così, eh? Io quando viaggio mi trovo meglio coi pocket che con i cartonati :D

Daniele Lanza

Adoro il Tap2Flip l'ho provato sul Tolino di un amico e mi ha davvero stupito, purtroppo però sono talmente abituato all'integrazione con Pocket del mio Kobo da non riuscire più a farne a meno...

Aster

sei sicuro che hai usato un pw?io ho pw2 e non vedo nessuna luce blu,magari era tarato male o difettoso al massimo lo puoi disattivare

Aster

:)e si il lag sono una piaga :)

Quanto è utile una ciabatta SMART? Ecco perchè comprarla | Video | #BESTBUY

Il miglior cavo per ricarica e trasferimento dati | Video | #bestbuy

Effetto Iliad: le migliori tariffe degli altri operatori concorrenti entro 10 euro | Video

Come e perché smaltire rifiuti tecnologici: lunga vita al bidone barrato #report