Google Accelerated mobile Pages Project per caricare le pagine web più velocemente | Aggiornato

25 Novembre 2015 37

Aggiornamento 25/11

Attraverso un post sul blog ufficiale di Google, la società ha confermato che già dall'inizio del 2016 si inizieranno a vedere i primi risultati concreti di questo progetto, volto a migliorare il caricamento più veloce di articoli e notizie, in presenza di siti di giornalismo e stampa internazionale. Come già riportato nell'articolo di presentazione del mese scorso (più in basso), ad Accelerated mobile Pages Project hanno già aderito testate molto importanti come The Washington Post, The Guardian o La Stampa, dunque dai primi mesi del prossimo anno la velocità di navigazione dovrebbe essere decisamente più fluida e istantanea.

Google ha presentato oggi una nuova iniziativa open source chiamata Accelerated mobile Pages Project. Il Progetto AMP dovrebbe tradursi in pagine web, in particolare articoli e notizie che si caricano più velocemente. Per raggiungere questo obiettivo, gli editori AMP seguiranno una specifica tecnica e verrà aggiunta la possibilità di servire gli articoli dalla cache di Google.

Google e Twitter stavano lavorando a questa iniziativa in modo da poter anche competere con gli articoli istantanei di Facebook. All'inizio della presentazione, però, David Besbris, vice presidente di Google per la ricerca, ha riconosciuto che oggi, quando gli utenti leggono le pagine web, lo fanno molto spesso da applicazioni mobili.

Uno dei motivi che ha spinto a realizzare questo obiettivo è il fatto che molte pagine web "non soddisfano le aspettative degli utenti e si caricano troppo lentamente". Le pagine AMP dovrebbero essere ottimizzate e dovrebbero caricarsi immediatamente. Quindi, per rendere gli articoli più facilmente reperibili bisognerà eliminare tutti i fattori che sono la causa del rallentamento di alcuni siti web.

Google sarebbe già pronta al lancio di una developer preview, con un repository GitHub per l'open source. I partner che aderiscono all'evento di Google di oggi includono Vox.com, La Stampa, Buzzfeed, il Washington Post e Twitter. Nel caso di Twitter, questo significa che le pagine AMP avranno incorporati tweet e Vines.

Michael Ducker, il Product Manager di Twitter ha detto che per ora i collegamenti AMP si apriranno come qualsiasi altro collegamento di Twitter, senza alcun supporto unico per gli articoli AMP nell'app. Ducker continua poi dicendo che la società è davvero entusiasta di poter utilizzare questi collegamenti, ma ha anche detto che il tutto avverrà per gradi in modo da ottenere una maggiore integrazione in futuro.

Gingras che è a capo di questo progetto ha detto che un obiettivo chiave è quello di creare un ambiente molto meno caro in modo tale da permettere alle aziende di partecipare alla AMP facilmente. Sarà molto importante l'aspetto comunque economico per gli annunci all'interno di AMP. Ci saranno alcuni "limiti" sui tipi di annunci che gli editori potranno utilizzare nelle pagine, ma fondamentalmente, queste rimangono pagine web e possono essere monetizzare attraverso annunci come tutte le altre pagine.

È possibile provare AMP cliccando qui dal vostro dispositivo mobile e ricercare una notizia per vedere come funzionano queste pagine AMP.

Il top gamma più piccolo e pontente sul mercato? Samsung Galaxy S10e, in offerta oggi da Gaming Pro a 459 euro oppure da Unieuro a 549 euro.

37

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
qandrav

la sottile ironia del rick nazionale

Gabriel #JeSuisPatatoso

la versione mobile è responsive ... quella desktop no ;)

Simtopia23

Nono da quel che ho capito dovrebbe essere proprio l'app ufficiale alleggerita senza perdere funzioni (il problema di Facebook lite)

Gabriel #JeSuisPatatoso

certo che si ... hdblog . it/mobile ... non ti perdi niente comunque

Tizio Caio

c'è già una versione di facebook leggera

Simtopia23

Ma il progetto c'è da un anno, la notizia è che Facebook è interessata a farne parte e presenterà una nuova versione dell'app più leggera.

Dende

Pii mettono sempre il video in alto sotto l'intestazione rendendo difficile premere sul titolo del video per aprirlo dall'app

Dende

Magari basta selezionare la pubblicità prediligendo quella non invasiva... Sarebbe buona norma

qandrav
Quindi, per rendere gli articoli più facilmente reperibili bisognerà
eliminare tutti i fattori che sono la causa del rallentamento di alcuni
siti web.

Semplice: togliere le pubblicità. Crolla il sistema? Vorrà dire che se ne troverà un altro.

Gaetano Di Lauro

concordo in pieno. troppo pesante per essere una versione "mobile".

Gaetano Di Lauro

non è responsive. Semplicemente da mobile HDBlog carica un'altro sito completamente diverso da questo. Il che è funzionale, ma NON è responsive. Responsive vuol dire che se resizo la finestra ANCHE su pc, il sito deve adattarsi in modo fluido.

alexmsn

Capita "ovvero sempre" che se entro nei commenti e poi torno indietro "sia back o freccia" mi riporta in cima alla pagina. Inutile dire che uso sempre la versione desktop.

FedeC6603Z

lo volete un consiglio? al posto di pensare a come caricare più velocemente un pagina, pensate a non riempirla di m3rda

Zero FdD

che io sappia no, bisogna ogni volta cambiare user agent

ErCipolla

Parole sante.
Mamma mia le eresie che partono quando invece che ESATTAMENTE VERSO IL BASSO faccio uno swipe di qualche grado più obliquo e passa dalle ultime news alle "più lette". E poi ovviamente se torni indietro non torni al punto dov'eri prima ma in cima alla pagina.

Ma non c'è un URL da cui accedere direttamente alla versione desktop? Farlo a mano ogni volta da chrome è fastidioso.

Andr3a

se ci fosse meno pubblicità col sito responsive risolvevano e non dovevano farne una versione apposita per cell!

Andr3a

scusa dove lo vedi responsive?

Alex Caselli

anch'io dall'update ad android 6

San Gennaro

Si va beh... Unico sito che non ti fa aggiornare la pagina tramite swipe con chrome... Non è male però su certe cose crolla

ekerazha

hdblog. it/mobile ha qualcosa di responsive, nemmeno sapevo esistesse, anche da mobile non mi ha mai rimandato a quella versione. Comunque dovrebbero fare un sito unico responsive.

Mattia Prestigiacomo

strano

ekerazha

In genere uso Firefox per Android.

Mattia Prestigiacomo

anche io uso la versione desktop...quella mobile è troppo scattosa

Mattia Prestigiacomo

hai windows phone per caso ? perchè se non ho capito male non lo hanno ancora messo su indows phone

Zero FdD

guarda meglio così, ma se sei masochista puoi provare così hdblog. it/mobile e potrai bestemmiare con me e tanti altri per quanto faccia cagar3

Zero FdD

a parte che versione mobile non c'entra con il concetto responsive, la versione mobile è vomitevole, pesante, piena di gesture inutili che mi fanno solo bestemmiare
infatti uso sempre la versione desktop anche su telefono

ekerazha

I siti responsive si modificano in base alla risoluzione o simili, non in base all'user-agent. Comunque, per inciso, io lo vedo come su desktop anche da mobile (e non ho la modalità desktop attiva).

Mattia Prestigiacomo

ah ma intendevi su desktop...allora hai pienamente ragione

andQlimax

Si effettivamente ho fatto la prova anche io e non lo è!
Ci sarà qualche regola sullo user-agent, ma non è un vero sito responsive al momento, hai ragione

ekerazha

Eccolo. Non è responsive.

Mattia Prestigiacomo

non studio web design....ma il design del sito è per mobile...

andQlimax

Screenshot?

ekerazha

No, mi sa che non sai cosa significhi responsive. Quali sarebbero i breakpoint delle media query?

Mattia Prestigiacomo

ehmm si

ekerazha

No

Mattia Prestigiacomo

Il sito è responsive

ekerazha

Più che altro trovo assurdo che network come HDblog che trattano molto argomenti relativi al mondo mobile, non abbiano ancora uno straccio di sito web responsive.

Surface: tutte le novità presentate da Microsoft

Recensione Amazfit Verge Lite: ottimo smartwatch ma vale la pena comprarlo?

TIM, ecco le prime offerte 5G: dettagli e smartphone disponibili

Apple, tutte le novità della WWDC 2019