Ducks Hunt disponibile nel Marketplace

21 Agosto 2012 2


I giocatori più levigati sicuramente verseranno qualche lacrima di commozione una volta messe le mani sulla versione mobile di Ducks Hunt, titolo che nel lontano 1987 sbarcò in Europa su console Nintendo e giocabile solamente tramite la Nintendo Zapper Light Gun.

Effettivamente a quel tempo affrontare un titolo con una pistola di plastica che sparava proiettili digitali era pensabile solamente nelle ancestrali Sale Gioco e poterlo veder girare nelle case dei possessori del NES era un vero tripudio. A 25 anni dalla release europea, Ducks Hunt arriva su Windows Phone, portando con sè quella concezione arcade degli anni '80 e soprattutto il pixelloso motore grafico dell'epoca.

Effettivamente non ci troviamo di fronte all'episodio originale che tanto abbiamo amato ma un clone fatto e finito, creato dal team CodeCherry. Le caratteristiche rimangono comunque immutate e lo scopo del gioco viene incentrato sul tentativo di cattura di quanti più volatili possibili.

Il giocatore infatti avrà solamente un determinato numero di possibilità legato agli errori effettuabili, i quali una volta terminati porteranno l'utente all'inevitabile Game Over. Il titolo di casa CodeCherry è disponibile nel Marketplace in versione completamente gratuita.



2

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Andrea Ci

peccato nn poterci giocare con la pistola :D

Giuseppe Coppa

bellissimo, riprodotto nei minimi particolari, anche nella musica 8-Bit. divertente come non mai. ora so come affrontare queste giornate di caldo

Qualcomm Snapdragon 870 5G ufficiale: la fascia alta ha un nuovo protagonista

WhatsApp: nuova informativa privacy dall'8/2. Cosa cambia | Video

Smartphone e GIGA gratis per 1 anno: cos'è il kit di digitalizzazione del Governo

CashBack di Stato Natale: 1,5 milioni di rimborsi e quello che potreste non sapere