Dalla Spagna arriva iPavement, marciapiedi come hotspot Wi-Fi!

27 Aprile 2012 3


La ricerca incessante di strutture e luoghi più adeguati per ospitare hotspot Wi-Fi ha portato nel tempo all'adozione di curiose iniziative come i senzatetto 4G e le pattumiere hi-tech montate a Londra in preparazione alle prossime Olimpiadi. La nuova idea si chiama iPavement e arriva invece dalla Spagna: propone come soluzione a questo "dilemma" lo sfruttamento intelligente dei marciapiedi, concepiti anche come strumento di connessione e diffusione delle informazioni utili.

Ogni pezzo pesa ben 24 kg, misura 40 x 40 x 7 cm e contiene un completo chipset con 5Gb di storage, sistema operativo Viacities 2.0 e moduli Wi-Fi e Bluetooth per la comunicazione esterna. Il sistema prevede un cavo di alimentazione da 1,000 watt che passa sotto questo particolare corridoio, alimentando i diversi componenti che non devono distare più di 20 metri l'uno dall'altro per non creare zone di buio.


Oltre a garantire connessione internet ai passanti (60 minuti) gli iPavement forniscono applicazioni dedicate basate sul cloud che forniscono utili servizi come: biblioteca digitale, mappe del quartiere, informazioni su luoghi adiacenti d'interesse, pubblicità di ristoranti, negozi e simili iniziative. Saranno supportate numerose lingue, tra cui l'Italiano, e sarà possibile utilizzare tranquillamente i propri browser (IE, Mozilla, Opera, Chrome e Safari). L'unico limite oggettivo del sistema è la temperatura che non deve andare al di fuori dei -10 o +45°. Non ci sono purtroppo indicazioni sul costo di una singola piastra hi-tech ma l'idea è da tenere sott'occhio, considerando anche i risultati che otterrà dopo le prime istallazioni previste in terra spagnola. Maggiori informazioni sul sito ufficiale.


3

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
gestodistizza

Beh ma se le isolassero adeguatamente non penso ci sarebbero problemi..più che altro mi pare giá di vedere la gente che si porta a casa le mattonelle dei marciapiedi per estrarne i moduli wifi e bluetooth!

Claudio Caldarola

E per i +45 per il sud italia calcolando le giornate di afa :D

Marcello Jeziak

Peccato per il limite di -10°C. Nel nord Italia e in molti paesi situati più a nord non sarà una tecnologia fruibile a causa delle rigide temperature invernali!

Huawei Watch GT 2 Pro: titanio e vetro zaffiro per diventare elegantissimo

La pandemia ha incentivato i pagamenti digitali: è la fine del contante?

Recensione Nubia Watch: molta forma, poca sostanza

Amazon Fire TV Stick e Cube, guida all'acquisto: modelli, differenze e prezzo