Con Google e Maps potrai seguire il Tour de France ed emulare i tuoi idoli

13 Luglio 2017 65

Il Tour de France è iniziato già da diversi giorni e tutti gli appassionati di ciclismo stanno seguendo con attenzione ciascuna tappa tifando per il proprio idolo o squadra preferita. Per venire in contro agli appassionati di questo sport, Google ha apportato alcune modifiche al suo motore di ricerca che ora consentirà di rimanere costantemente aggiornati su ciascuna fase del tour.

Digitando le parole "Tour de France" (o qualcosa di simile), sia tramite l'app per Android e iOS, sia sul web, ora compariranno informazioni dettagliate sulla gara, sugli atleti, le classifiche ed altre notizie, ovviamente, in tempo reale.


Se anche voi siete dei ciclisti professionisti oppure se, presi dalla foga del momento, volete risalire sulla vostra bici ed iniziare a pedalare, potrete sfruttare Google Maps e la sua modalità "bicicletta", particolarmente ricca di informazioni e consigli su quali strade o sentieri percorrere con le due ruote. Potrete scegliere tra i percorsi più difficili in montagna o quelli meno impegnativi in collina e su strada.

Google vi indicherà con il verde scuro i tratti più indicati per le biciclette, in verde chiaro le corsie dedicate e con una linea tratteggiata, sempre di colore verde, le strade senza piste ciclabili, ma comunque adatte ad essere percorse con le bici. Ricordiamo che per attivare la navigazione su due ruote, dovrete tappare sul pulsante situato sopra la bussola, su iOS, aprire il menù laterale su Android e cliccare sulla piccola icona a forma di bici.

Non ci resta che augurarvi una buona pedalata.

Due fotocamere sono meglio di una, meglio Plus? Huawei P9 Plus, in offerta oggi da Phone Strikeshop a 396 euro oppure da Amazon a 449 euro.

65

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
L0RE15

non è tuo il concetto di democrazia e libertà d'espressione: tu hai libertà d'espressione ma anche gli altri, i quali, se scrivi pubblicamente, hanno facoltà di ignorarti o controbattere. Non sei tu che decidi.

Tony Musone

perdonami se insisto, non voglio innescare una polemica è solo per chiarire il mio pensiero: non è solo una questione di diritti negati, credo solo che l'educazione (e l'abitudine) al rispetto dell'altro passi anche dal rispetto del codice della strada, tutto qui

p.s.
non solo in germania pongono massima attenzione al pedone (poi ci sono i ciclisti ed i motociclisti) ma anche in uk, in olanda,in danimarca anche nella mediterranea spagna, da noi, anche se con alti e bassi, la situazione sta migliorando rispetto agli anni passati, ma siamo comunque dietro solo alla polonia e alla romania... direi che possiamo e dobbiamo fare di meglio

http://www. infodata. ilsole24ore. com/2017/04/13/pedoni-vittime-sulle-strade-europee-uno-dieci-italiano/

p.p.s.
anch'io tocco poco il freno, ho una mentalità ciclistica (la quale prevede di evitare il più possibile di ripartire da fermo) e quindi anche in auto sono indotto a prevedere il pericolo, a decelerare ed usare molto il freno motore, ho sempre stupito tutti i meccanici sulla bassa usura delle pastiglie dei freni in rapporto ai km percorsi ;)

tra l'altro, quel modo di guidare, ora è adattissimo alla guida della ibrida che ho da un paio di anni ;)

andrea55

Sono stato in Germania e il modo di guidare è molto diverso, sembra di stare in formula 1 per come prendono curve e tornanti senza quasi toccare il freno ma c'è per il pedone c'è un rispetto assoluto.
Quello che fai è giusto ma lo fai senza metterti in pericolo, altri metodi saranno legittimi ma sono pericolosi e ci sono alternative più sicure, non dico certo di rinunciare ai propri diritti ma solo di non darli troppo per scontati un'occhiata non costa niente

Tony Musone

va bene la prudenza, il mio istinto di sopravvivenza me lo impone per poter arrivare a sera in 'sto paese ma quando si è sulle strisce nessun articolo del codice della strada invita il pedone ad accertarsi che la macchina effettivamente si fermi, quel tipo di attenzione deve porla solo se attraversa fuori dalle strisce.

Art. 190. Comportamento dei pedoni.
2. I pedoni, per attraversare la carreggiata, devono servirsi degli attraversamenti pedonali, dei sottopassaggi e dei sovrapassaggi. Quando questi non esistono, o distano più di cento metri dal punto di attraversamento, i pedoni possono attraversare la carreggiata solo in senso perpendicolare, con l'attenzione necessaria ad evitare situazioni di pericolo per sé o per altri.

anzi in zone in cui ci siano negozi o alta concentrazione di pedoni l'andatura dell'auto deve essere ancor più ridotta, perchè è l'autista che deve mettere in conto un attraversamento repentino di un pedone

non si tratta dell'aver torto o ragione, il rispetto delle strisce pedonali è il presupposto per una guida responsabile anche nei confronti di tutti gli altri "utenti deboli della strada" (un concetto talmente estraneo alla nostra cultura, che di recente abbiamo dovuto inserire un comma bis nel codice (!?) art.3, comma 53 bis) e l'esigere che il suddetto diritto sia rispettato (io spesso sulle strisce fermo le macchine alzando la mano o invito a rallentare se le vedo arrivare troppo velocemente) per me non è pedanteria o altro ma è educazione stradale (e non solo) basta attraversare le alpi (di certo ad ovest e a nord magari meno a est ;)) per vedere le macchine rallentare e fermarsi ben lontano dalle strisce per farti sentire al sicuro, il buon senso e la legge impone che sia così, d'altronde siamo tutti pedoni.

Art. 191. Comportamento dei conducenti nei confronti dei pedoni.
1. Quando il traffico non e' regolato da agenti o da semafori, i conducenti devono fermarsi quando i pedoni transitano sugli attraversamenti pedonali. Devono altresì dare la precedenza, rallentando e all'occorrenza fermandosi, ai pedoni che si accingono ad attraversare sui medesimi attraversamenti pedonali.

Liberated_Slave

se non gli piaceva quello che scrivevo poteva ignorarmi

andrea55

Io ho una Vespa, guido, ho preso l'autobus e quindi buoni tratti a piedi e talvolta uso la bici perfettamente dotata.
Giustissimo quello che dici e normalmente è così ma mentre un pedone può fermarsi in pochi cm un auto ha uno spazio di frenata di qualche metro, se passo mentre un'auto sopraggiunge non posso contare sullo spazio di frenata perchè se questa per vari motivi ritarda o non avviene il danno lo prendo io, anche il codice della strada prevede che il pedone si accerti dell'effettivo arresto del veicolo prima di passare.
Quello del post precedente era un esempio generico, non ho mai detto di essere io l'autista semplicemente mi immedesimo in quei pedoni e trovo alcuni comportamenti sconsiderati, magari sarò troppo prudente io, su un veicolo uso la massima prudenza vicino alle striscie e anche dove non ce ne sono.
Se l'incidente è evitabile meglio collaborare entrambi per evitarlo senza guardare troppo chi ha ragione

L0RE15

il tuo commento?!?! ma lol stai scrivendo su di un forum pubblico, chiunque legge e chiunque ha diritto di dire la sua e rispondere...scendere dal pero, grazie!!!

frizz bese

No chiaro non dico assolutamente che sono i ciclisti a buttarsi sotto, solo che purtroppo molti ciclisti insultano gli automobilisti perché non rispettano cdc e sono loro i primi a non farlo; proprio vicino a casa mia un ciclista è stato investito da un mona che superava una macchina già in sorpasso su una strada a due corsie in tutto, ma conosco anche un ciclista che fa le tangenziali in galleria dove c'è il divoeto per bici grande come una casa, quindi il problema si spalma su entrambe le categorie, con qualche eccezione di qualcuno che mette lucine in bici o sorpassa ad un metro e mezzo in macchina, magari tutti rispettassero il cdc iniziando a ficcarsi nel chiulo il telefono

Tony Musone

premessa:
io sono un ciclista urbano uso la bici tutti i gg da sempre (ovviamente non sono un kamikaze e sto attento a tutti ma soprattutto ai pedoni) e dall'introduzione dei led ,le luci le uso anche di giorno, sono di quella generazione che è rimasta influenzata dai viaggi in giro per il mondo, dall'uso della moto (le cui luci all'estero, da quando ho memoria, si accendono in automatico insieme al motore) e da Nico Cereghini: "casco ben allacciato, luci sempre accese anche di giorno e prudenza SEMPRE!"... anche se il casco in bici non lo metto ahimè

in bicicletta le luci, i catarifrangenti (la pettorina in extraurbano) il campanello sono obblighi di legge oltre che essere pericoloso non averle

riguardo la guida autonoma confido più nei suoi progressi che nell'uomo, soprattutto dopo aver letto ciò che scrivi perchè seppur logico non è corretto, sei tu che dovresti, come tra l'altro legge impone, essendo il più "forte" sulla strada a dover usare maggior prudenza nei confronti dei più deboli (se giri armato sei tu quello che deve stare attento non io a non finire sulla tua traiettoria e tot quintali sono in tutto e per tutto un'arma), poi se tu guidi pensando che se tanto investi qualcuno quello che finisce in ospedale è l'altro, bè perdonami ma non so quale coscienza tu possa avere

comunque sappi che se lui finisse in ospedale anche tu non te la passeresti meglio, con l'introduzione dell'omicidio stradale hanno inasprito le pene anche per le lesioni, la nuova norma prevede la pena della reclusione da tre mesi a un anno per le lesioni colpose gravi e da uno a tre anni per le lesioni colpose gravissime

p.s.
per la cronaca, dopo migliaia di km percorsi in moto ed in bici ma anche da pedone, dato che per lavoro cammino molto anche per strada, sono state più le auto a mettermi in pericolo piuttosto che il contrario.

andrea55

Esattamente questo, tu non puoi avere la garanzia che l'auto si fermi neanche se fosse a guida autonoma, se ti prende i danni maggiori li ha il pedone e anche se la ragione è dalla sua parte un po' di ospedale se li fa lui, nessuno vuole togliere diritti però c'è modo e modo di farli valere.
La cosa più fastidiosa di tutte e purtroppo frequente erò sono i ciclisti che girano senza luci di notte, pericolosissimo

Tony Musone

Magari è gente che viaggia all'estero più di quanto non risieda in Italia, il rispetto e l'attenzione che c'è altrove nei confronti dei pedoni (e per la cronaca anche gli automobilisti per forza di cose lo sono prima o poi) dei ciclisti e di tutti coloro più vulnerabili è imbarazzante

Il cds da la precedenza al pedone che attraversa sulle strisce o si appropingui ad esse ergo bisogna fermarsi esattamente come ci si fermerebbe ad uno stop e si vedesse sopraggiungere un tir

Ma temo che l'unica speranza per l'incolumità dei pedoni è di tutti i soggetti più a rischio sulle strade sia la guida autonoma,

Zhuravlyk (

La patente ci vuole per commentare nei blog

Zhuravlyk (

Se lo dici tu

Liberated_Slave

in percentuale quanti tra automibolisti e ciclisti vanno sia sul marciapiede che in strada quando fa comodo a loro?
quanti vanno nel senso di marcia sbagliato di una strada?
La risposta è semplice,la percentuale più alta è quella dei ciclisti

Liberated_Slave

nonchè alle signore che vanno a fare la spesa

Liberated_Slave

che vuoi da me? guarda che sei tu che sei venuto a rompere sul mio commento testa di cernia

Tony Musone

sei solo un'inutile troll
uscite tutti con il caldo
ti blocco... è periodo di pulizie

Liberated_Slave

io proibirei proprio l'uso di quello schifo

Liberated_Slave

so benissimo di cosa parlo

Paperotto

Non sarebbe cambiato nulla mettendo tutta l'Italia purtroppo

andrea55

Non esattamente, almeno nel tuo caso c'è u ragionamento dietro, a volte capita gente che senza guardare passa tranquillamente

Zhuravlyk (

L'ultima volta che ho approcciato discorsi simili ho scatenato un inferno di commenti OT

Zhuravlyk (

Il casco non è comunque obbligatorio... ma bisogna esser stupid1 per non metterlo

Tony Musone

io invece renderei l'uso della bicicletta, almeno per un anno, propedeutico al conseguimento della patente

Tony Musone

non sai quel che dici

Tony Musone

eh vabbè ma ... non vale mettere a confronto una città con un intero paese ;)

Zhuravlyk (

Io non nego ciò, dico solo che è inutile generalizzare... qui si generalizza sempre: i ciclisti sono in mezzo alla strada e se vengono investiti è perché si buttano sotto, i Samsung laggano, Huawei è una cinesata, Apple è per polli... questo intendevo... Non mi nascondo proprio dietro nulla altrimenti direi di rispettare in toto il CDC ma ipocrita non lo sono ;) Ripeto che finché ci basiamo su quello che vediamo continuiamo a generalizzare...

Ratchet

Subito..

Patroclo Grecia

penso che si riferisse ai "ciclisti colorati della domenica" per i quali generalmente il codice della strada è una cosa inutile e molesta

mireste

Io in bici ci vado tre/quattro volte a settimana e il codice lo rispetto.
Mentre vado in bici vedo la metà di quelli in macchina che "gioca" con il telefono, svoltano senza freccia, ti passano a 10cm, non danno la precedenza etc etc.
Quindi...? Tutti gli automobilisti sono maleducati???

frizz bese

Mi intrometto, dati effettivi non ne ho, ma vado in bici abbastamza 4 mila km all'anno cerco di farli, so che non è tanto ma nemmeno poco considerando che perfortuna o purtroppo facendo l'università il tempo è poco, comumque tutti quelli che conosco che vanno in bici sono dei pazzi, sempre in statale e in doppia fila quando c'è la ciclabile, ed in trentino sono belle e larghe, la lucetta manco sanno cosa sia, passano col rosso senza problemi... Quindi è inutile nascondersi dietro a definizioni di statistiche o meno, è palese che buona parte dei ciclisti sia follemente spericolata, ciò non toglie che ci siano anche quelli buoni, tipo noi che rispettano il cdc, ma in termini statistici siamo una frazione ahimè ttascurabile, un infinitesimo di ordine superiore. Ma visto che vuoi che si parli di numeri effettivi per tracciare statistiche Oggi ad esempio salendo in montagna ho superato uno senza casco e uno che stava beato in mezzo alla strada, numeri piccoli per carità ma già 2 su 3 se la cercano.

Paperotto

Bah

Semlo

Mi sa che uno di quelli che odi sono proprio io, però è anche da dire che nelle città se aspetti che qualcuno si fermi di spontanea volontà non riesci a passare.

Liberated_Slave

vanno ovunque,dalle strade ai marciapiedi,non rispettano nulla e nessuno e pensano di avere ragione,senza contare che non rispettano il senso di marcia

Paperotto

Cosa ti hanno fatto?

Paperotto

Italia Vs Olanda https://uploads.disquscdn.c... https://uploads.disquscdn.c...

Zhuravlyk (

Per dire poco tempo fa ho visto un video di un ciclista di 15 anni (cioè un bambino praticamente) buttato giù da una macchina che non si è manco fermata a veder come stava... fortunatamente non si è fatto nulla

Giorgio

Potenziali si però :P

Zhuravlyk (

Se generalizzassi direi che tutti sarebbero degli assassini o presunti tali

Giorgio

Si lo so :(

Zhuravlyk (

Un mea culpa generale non lo posso fare, non posso farmi carico degli altri

Zhuravlyk (

Io vorrei che si evitasse di generalizzare perché altrimenti (sato che giri in strada) vedi che porcate ci fanno a noi ciclisti!

Giorgio

Go capio!
Vorrei un mea culpa generale non una difesa corporativa, t'è capì? :)

Zhuravlyk (

Ma io ti do ragione! Solo che si sta solo generalizzando... t'è capi?

Giorgio

Non posso farci nulla se non vuoi ammettere la realtà non occorrono dati statistici.
Ecco perchè stiamo cos' in cul0 agli altri utenti della strada, non ammattiamo manco l'evidenza :)

Zhuravlyk (

Ho detto questo? Se esco la sera monto luci, catterinfrangenti e mi prendo dietro il giubbino (quello della macchina) quello si anche nella bdc... altrimenti non vedi ne vieni visto... Comunque io non c'entro nulla... È un dato di fatto che se non apporti dati statistici riguardo certi fenomeni si generalizzi, e generalizzare come aveva fatto l'utente al quale hai rispoto non porti a nulla perché si parla di aria fritta...

Giorgio

Quindi in bdc giri coi fanali ed il campanello immagino, questo è il dato, basta avere gli occhi.
Dai su...buon pranzo.

Zhuravlyk (

No... finché non si apportano dati si generalizza... Non ho detto che hai torto... ;)

Giorgio

Appunto

andrea55

Anche i pedoni però, quelli che perchè sono sulle striscie si sentono Superman

Confronto Fotografico tra 5 smartphone "non noti": votate e decidete il migliore!

Lo zaino dei sogni: oltre 5500€ di gadget tecnologici per veri maniaci | Video

TomTom Adventurer, il mio primo vero sportwatch

RECENSIONE DJI SPARK: tutto quello che dovete sapere | Limiti volo e Regole