Jawbone al capolinea, ma non sarà una nuova Pebble | Rumor

07 Luglio 2017 17

Avevamo parlato diverso tempo fa delle cattive acque in cui versava Jawbone, pochi anni fa uno dei produttori di indossabili più importanti al mondo e con un valore che è arrivato a sfiorare i 3 miliardi di dollari. Due nuovi articoli indipendenti di Business Insider e The Information dicono che ormai la procedura di liquidazione delle risorse della società sarebbe addirittura già in corso.

Nonostante la chiusura, ci sono ancora in ballo sviluppi importanti per la società, che ha in corso una causa legale contro Fitbit che potrebbe generare introiti significativi. Inoltre, il CEO e fondatore della società Hosain Rahman intende, come già anticipato in precedenza, lanciare una nuova società chiamata Jawbone Health Hub che si occuperà di prodotti hardware e software medici. Secondo le indiscrezioni sono già stati raccolti dei fondi per questa nuova avventura, anche se non è chiaro il quantitativo e a quale valutazione.

Jawbone Health Hub si occuperà anche di fornire assistenza e supporto per i fitness tracker della vecchia Jawbone, che insomma non faranno la brutta fine dei prodotti Pebble. Al momento le informazioni non sono ufficiali, ma abbiamo tre report indipendenti di altrettante testate della massima autorevolezza che dicono praticamente la stessa cosa. Sembra improbabile che le cose stiano andando diversamente da quanto indicato.

Lo Smartphone Samsung più desiderato? Samsung Galaxy S7 Edge, in offerta oggi da Infotel Italia a 430 euro oppure da Unieuro a 479 euro.

17

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Ricky

L'unica che curava il design dei fitness tracker

Gios

La domanda è come valutano le aziende !

Ormai i valori vengono dati su base "sentimentale" valutando potenzialità, che come in questo caso non ci sono, piuttosro che su base di reale solidità legata a strutture e produzione !

Federico Bassan

condivido, la concorrenza di indossabili low cost e agguerrita e pensandoci bene per un uso sporadico e prettamente amatoriale non è il caso di spenderci tanto

Geriko

149€ di braccialetto e la batteria durava 2 mesi, sono andato avanti fino alla terza sostituzione poi l'ho venduto su ebay, che incul4ta

Imparziale

FITBIT ha cannibalizzato tutto ahinoi. Vende solo lei in questo settore ed è un peccato che nonostante l'acquisizione di Pebble non abbia fatto nulla per rilasciare prodotti simili al time(che spero siano in lavorazione).

Adriano

Ma infatti con la miband faccio le stesse identiche cose. Tanto quando vado a correre comuqnie devo avere anche il telefono per il gps e la sessione. Portare solo il bracciale o orologio vuol dire già dover comprare roba sopra i 150 euro o giù di li ed il discorso cambia. O hai molti soldi o fai allenamento serio e costante

boosook

Non e' cosi', visto che fitbit prospera. Jawbone a mio parere ha completamente sbagliato modello di business, nonostante avesse tracker migliori, cercando di farne una cosa trendy e rivolgendosi soprattutto a un pubblico femminile.

boosook

se valesse davvero quella cifra, stai sicuro che qualcuno l'avrebbe rilevata... ma non e' cosi'... non vende, e' una societa' di fatto fallita.

checo79

il valore azionario è spesso fuffa...

Masterpol

certo che leggere società con un valore quasi arrivato a 3 MILIARDI di dollari e liquidazione fa proprio brutto! ma chi ha mandato avanti la baracca? paperino?

Thomas J.

Dopo che si è capito che l'utilità e pari a zero sono rimasti gli specialistici ( garmin ecc. ) per chi fa sport e quelli che fanno moda ( perchè lo ha fabbricato Apple)

una cosa inutile deve almeno essere di moda o deve avere uno scopo preciso per vendere.

acitre

Leggi la risposta sopra. Non generalizzo, è evidente che gli indossabili di oggi non servono granché. E ne ho provato parecchi e mentre ti scrivo ho un garmin forerunner 235 al polso quindi non sono refrattario alla categoria, anzi. Parlo con cognizione di causa.

Poi se tra 5 anni ci saranno super sensori adesivi invisibili che misurano 20 parametri vitali in tempo reale capaci di prevedere un infarto vedremo. Ma non è questo il punto.

acitre

È tutto qui il punto. Non è una tecnologia pronta per il mercato consumer. O fai cose super settoriali serie come i prodotti per i running o per gli sportivi avanzati o cose sperimentali per il campo medico scientifico... Per il mercato consumer puoi fare un contapassi a pochi spiccioli. Fine. Non ha senso altro ad oggi soprattutto con tutti i problemi di autonomia che si portano dietro soluzioni più evolute. Evolute poi ci sarebbe da discutere ma tant'è.

Andre

Beh, la gente ha capito che sti fitness tracker non sono granchè, se sei sportivo di alto livello ti prendi qualche accessorio un po' più serio (se corri ad esempio un garmin o un polar) altrimenti con una smartband cinese da massimo 30/40 € ci fai le stesse cose e spendi molto meno

SommoPastore

Le vendite sono ancora buone, il problema è che si aspettavano crescite a 3 cifre costantemente in stile smartphone cosa che non è successa.

29atal

Non generalizzare! È l'azienda che fallisce, non l'indossabile.. ha avuto dei ritardi consistenti con il loro prodotto che avrebbe spaccato il mercato, purtroppo non era pronto (molto simile alla faccenda Bixby) e da lì ha iniziato il declino a scapito di Fitbit. Tornando alla tua frase vedrai che ti ricrederai, gli indossabili sono il futuro, magari si evolveranno e non avremo più il braccialetto Smart ma la maglia o il chip sottocutaneo, però hanno la possibilità di risolvere e semplificare un sacco di problemi - soprattutto in campo medico!

acitre

Dopo il boom iniziale tutti una bella fine stanno facendo sti indossabili.

Lo zaino dei sogni: oltre 5500€ di gadget tecnologici per veri maniaci | Video

TomTom Adventurer, il mio primo vero sportwatch

RECENSIONE DJI SPARK: tutto quello che dovete sapere | Limiti volo e Regole

Roaming Zero: tutto quello che c'è da sapere #report | Guida | Costi | Tariffe