WhatsApp, 3 milioni di multa in Italia per lo scambio dei dati con Facebook

12 Maggio 2017 136

La condivisione dei dati tra WhatsApp e Facebook ha sollevato numerose perplessità sulla protezione della privacy degli utenti fin da quando l’azienda di Zuckerberg ha acquistato il noto servizio di messaggistica istantanea nel lontano 2014 e, a maggior ragione, da quando è stata ufficializzato lo scambio di avvisi e informazioni tra le due piattaforme.

Nel 2016 La Commissione Europea ha dato il via ad una serie di verifiche sulla vicenda, al fine di proteggere la popolazione dal rischio di diffusione di dati personali, e a febbraio 2017 l’associazione dei consumatori VZBV in Germania ha denunciato WhatsApp per aver perseverato nella pratica di scambio dei dati con Facebook nonostante fosse stato imposto un blocco pochi mesi prima per violazione della legge nazionale sulla protezione delle informazioni personali.

In attesa dell’accordo con l’UE previsto entro questa estate, Facebook ha recentemente deciso di sospendere la condivisione dei dati tra i due account, ma ciò non è bastato per impedire all’Antitrust italiano di multare la società di messaggistica imponendole una sanzione da 3 mlioni di euro.

In poche parole, WhatsApp è stata accusata dall’Autorità Garante della Concorrenza di aver “indotto gli utenti a condividere i loro dati con Facebook”, nonché di non aver comunicato i termini di utilizzo in modo sufficientemente chiaro ed esaustivo.

Sono due i procedimenti istruttori avviati dall’Antitrust nel 2016: il primo - quello che ha portato alla multa di 3 milioni di euro - riguarda il fatto secondo cui WhatsApp avrebbe “indotto gli utenti ad accettare integralmente i nuovi Termini di utilizzo, in particolare la condivisione dei propri dati con Facebook, facendo loro credere che sarebbe stato, altrimenti, impossibile proseguire nell’uso dell’applicazione”. L’Autorità sottolinea infatti come fosse invece possibile non fornire l’assenso, pur con la facoltà di continuare ad utilizzare entrambe le applicazioni. In questo caso, spiega l’Antitrust, si parla di “inadeguata evidenziazione della possibilità di poter negare il consenso alla condivisione dei dati con Facebook”.

Il secondo procedimento concerne la vessatorietà di alcune clausole del contratto, tra cui le esclusioni e limitazioni di responsabilità di WhatsApp ritenute “molto ampie e assolutamente generiche”. Inoltre, la vessatorietà riguarderebbe anche alcune clausole che fanno riferimento alla possibilità da parte di WhatsApp di interrompere il servizio “in modo unilaterale senza motivo e preavviso” e di apportare modifiche dei termini di utilizzo anche sotto il profilo del costo del servizio.

Restiamo dunque in attesa di ciò che verrà deciso in sede comunitaria, e in modo particolare sarà interessante capire se, in futuro, sarà possibile disattivare l’opzione oggetto di controversia.

Lo Smartphone Samsung più desiderato? Samsung Galaxy S7 Edge, compralo al miglior prezzo da Amazon a 474 euro.

136

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
ScienceFun

non c'è foto che renda di più!

stuck_788

3 milione a wazzap fanno ridere...

benzo

https://uploads.disquscdn.c...

Sagitt

Cerca cerca

mister no4h

Hahahah me lo sono perso quel commento xD

Sagitt

Che poi alla fine ha fatto il commento stupendo "dai ora basta non fai ridere nessuno"

Dopo il suo tr0lling estremo

mister no4h

È proprio convinto di quello che dice...è quella la cosa grave

Pix

Meno di un caffè per loro

Hateware2

E quali sarebbero i rischi? Rischi aziendali intendi

Matrumbdl

dovrebbero eliminare dal vocabolario quella parola. La gente ne fa uso senza sapere cosa sia stata tangentopoli

Fabyo

Perdita di reputazione come?? Non perde nulla.
Obbligateli a far comparire una notifica dell'app in cui spiegano coma hanno provato a prendere per i fondelli gli utenti e siano stati beccati, poi possiamo parlare di reputazione persa.

Fabyo

Solita tangentina!

Slevin

Sì nel senso: avresti dovuto pagare 10 ma ci hai provato a fare il furbo? Paghi 100

Darkat

Non è quello che ha fatto WhatsApp, il servizio è utilizzabile senza accettare la condivisione dei dati su fb ma il contratto con l'utente non è chiaro e spinge a credere in qualcosa che non è, non è una polemica stupida, è sacrosanta!
Facebook prima o poi arriverà a fondere i due sistemi, loro al momento non hanno interesse ad averne due, ha comprato WhatsApp solo per il bacino di utenza, ma appena riuscirà a trovare un modo per spostare le masse su Messenger potremo dire addio a WhatsApp

Mr. Telegram

Le notizie...quelle belle.

Sagitt

night

Vick300

wonderful

ale

Per ora non c'è la pubblicità. E per ora appunto non possono fare quello che dici te di pubblicare i numeri e simili (ma è ovvio che la cosa cambierà)

Sagitt

cool

Vick300

Lel

il Gorilla con gli Occhiali

Sta a noi trovare le cose. Sta a noi...

hydrophobia

Sì, ma casella che permetteva di fare l'opt-out sul trattamento a fini commerciali nei nuovi ToS era ben nascosta, ed è per questo che è stata sanzionata
Non proprio pulita come cosa

Sagitt

sesesesese

Sagitt

il bello è che non è neanche un vero tr0ll
sono andato a vedere tutti i suoi commenti e a parte sta roba di WA non ha mai fatto cose simili

secondo me è impazzito

Inoltre sembrava pure essere "serio" in molti commenti

bohhhhhhh

mister no4h

Hahahah non vedo l'ora di un nuovo articolo su WhatsApp

Desmond Hume

Appunto ma comunque commisurata al fatturato

Francesco Renato

I colossi non temono le multe ma la perdita di reputazione, cioè la perdita della fiducia dei clienti, il loro vero, unico patrimonio per difendere il quale spendono miliardi in pubblicità e pubbliche relazioni. Comunque bloccare l'attività imprenditoriale è possibile solo a livello nazionale e con gravi inconvenienti, ad es. l'accusa di regime autoritario (vedi Turchia e Cina)

Dea1993

dipende da quanti controlli fanno i vigili.
in alcune parti ci sono dei periodi in cui vedi i vigili anche tutte le mattine

MisterWU

Guardi che le trattative sul pagamento di grosse cifre di denaro provenienti delle tasse evase o dichiarate erroneamente è pratica comune in tutti i paesi senza eccezione. Lei conosce i casi famosi in Italia ma le assicuro che, ad esempio, qui negli USA non c'è azienda medio grande che prima o poi non faccia un accordo con il fisco.

Giacomo

Che nn ci sia pubblicità nn ci giurerei. Hanno il tuo numero e tutte le informazioni personali che vuoi. La pubblicità o il marketing si può fare in tanti modi. Sono solo diventati più furbi e invece di mandarti il messaggino promozionale adesso va tanto di moda parlare di manipolazione di massa.. personalmente ritengo che sia un tema che stiamo tutti sottovalutando.. ma Magari sono io il paranoico

MisterWU

Noi sugli smartphone aziendali abbiamo vietato di installare WhatsApp e altre app FB. I rischi eventuali sono stati valutati: altissimi.
A livello privato direi: chi se ne frega, ma è un bene che ci siano autorità che regolino certe pratiche molto torbide.

Rupert920

Ormai apro gli articoli su whatsapp solo per leggere i commenti dei frustrati difensori di telegram. Sono i loro articoli preferiti :)

Shrek

... e Instagram
... e Mark

Vick300

Esse6?

ale

Loro dicono che il contenuto dei messaggi è cifrato, cosa vera, ovviamente il problema è il resto, i metadati (con chi comunico, gli orari, per quanto tempo, la dimensione dei messaggi, tutte informazioni che aiutano a costruire la mia rete di contatti), le foto del profilo e ora gli stati o storie che siano, e se mai sono questi dati che vengono associati a Facebook.

Quando modificano termini e condizioni del servizio ti viene notificato, lo avevano fatto, e quindi ti danno la possibilità di accettare o meno. Ovviamente se non accetti loro hanno tutto il diritto di non farti usare il servizio (dato che l'app è loro e non è di certo un servizio pubblico o che).

Comunque secondo me sono polemiche inutili e anche poco sensate, una stessa azienda (Facebook) ha 2 database (3 se includiamo Instagram) negli stessi datacenter contenenti una mole immensa di dati ma non può associare questi dati fra di loro e non può associarli solo per gli utenti europei.

Che poi perché Facebook avrebbe comprato WA per 19 miliardi, dato che di per se WA non gli porta alcun guadagno non avendo pubblicità ??? Per fare beneficienza ? Beh mi pare ovvio che lo abbia fatto per i dati non ci vuole un genio... fosse in tutto il mondo come in europa dove non può associare i dati, avrebbe già chiuso WA e ti avrebbe detto, usate solo Messanger e fine

Darkat

Non è così facile, certo che una società privata può fare quello che vuole, ma le regole per il consumatore devono essere chiare e ben specificate, qui non si tratta di permettere o no lo scambio di dati ma del fatto che loro promuovono in pompa magna la sicurezza del loro programma di messaggistica e di come non sia possibile filtrare dati da parte della società quando poi nei fatti la realtà è diversa. Inoltre si parla nell'articolo anche nel modo strategico che hanno introdotto per l'accettazione della condizioni d'uso, inducendoti a pensare che non sia possibile usare WhatsApp senza accettare tali condizioni, cosa non vera.
Qui si tratta di trasparenza verso il cliente che non c'è anzi, siamo ai limiti del truffaldino, ed è giusto che questi enti appositi ci tutelino, una volta ogni tanto quando si ricordano.

Sagitt

6esSE

il Gorilla con gli Occhiali

Ma ss WhatsApp fa parte di Facebook, è normale che ci sia lo scambio di dati.

Vick300

Iphone se?

ale

Infatti molta gente spesso fa questo ragionamento, conviene parcheggiare in divieto e prendersi la multa che pagare sempre il parcheggio a conti fatti. Alla lunga risparmi, anche perché alla fine per divieto di sosta c'è solo una sanzione in denaro, non ti decurtano neanche punti dalla patente

ale

Non che mi stia simpatica WA o Facebook, ma queste multe sono ridicole. Io sono dell'idea che una società privata possa fare quello che vuole, ovviamente informando l'utente: vogliono condividere i dati con Facebook, integrare gli account, o quel che gli pare, lo scrivono, l'utente preme accetta e fine. L'utente non vuole, usa altri sistemi di messaggistica più attenti alla privacy tipo Telegram (o Signal se si è più paranoici) e non rompe le balle

William

Ma magari!!! Tutti e 2 nel baratro!

theItN

Il punto è che se la legge va in funzione della scala sociale. Se io delinquo e mi beccano mi arriva come multa l'importo non pagato aumentato del corrispettivo della mora, se le tasse invece non le paga Valentino Rossi, tanto per citare un caso famoso, patteggiamoah una frazione dell'evaso e s'abbracciamo, come dicono a Roma. Questo paese si salva solo se rifondato da capo a piedi..

Max

Privacy, WhatsApp e Facebook nella stessa frase ?

Max

.... e si portasse dietro Facebook

Chirurgo Plastico

Mamma mia, spero che WhatsApp non vada in rovina con tutti questi soldi di multa..

Slevin

Errato, ai tempi guardai un servizio approfondito di report, so per certo che hanno dei tetti di multa, purtroppo non hanno assolutamente carta bianca dalla legislazione, ne il tetto si avvicina a quanto è il guadagno nel delinquere. Lo diceva proprio un dirigente antitrust...purtroppo alle leggi attuali anche alle compagnie telefoniche conviene delinquere

Slevin

Guarda che la multa deve essere ben superiore al guadagno! Altrimenti io a priori delinquo, se mi va bene non mi beccano e guadagno.

Slevin

Ahahah quanti utenti sono? Nemmeno 50cent ad utente....penso che WhatsApp e Facebook ci abbiano guadagnato bene!

William

Ma se in un bellissimo sogno sparisse questo WhatsApp? Mica male no come sogno?

Lo zaino dei sogni: oltre 5500€ di gadget tecnologici per veri maniaci | Video

TomTom Adventurer, il mio primo vero sportwatch

RECENSIONE DJI SPARK: tutto quello che dovete sapere | Limiti volo e Regole

Roaming Zero: tutto quello che c'è da sapere #report | Guida | Costi | Tariffe