Nokia prova ad acquisire Comptel, azienda specializzata in software per telecomunicazioni

09 Febbraio 2017 19

Nokia Corp, il produttore finlandese di apparecchiature per le telecomunicazioni, ha ufficializzato l'intenzione di voler acquisire la società Comptel per 347 milioni di euro. Comptel è una azienda specializzata nella realizzazione di software utilizzati dagli operatori di telecomunicazione per gestire e controllare i servizi e le reti.

Attraverso questa fusione, Nokia intende rafforzare ed ampliare la propria offerta software in modo da primeggiare rispetto ai principali competitor, Ericsson e Huawei. Le tre realtà menzionate sono a tutti gli effetti leader di questo mercato, e stanno continuando ad investire sulla banda larga mobile 4G, preparando gradualmente il passaggio alla prossima generazione di reti 5G, per le quali è già stato presentato il logo ufficiale.

Anche Comptel, secondo il comunicato riportato sul loro sito, trarrà particolare vantaggio dall'acquisizione da parte di Nokia. L'azienda manterrà indipendente la sua entità legale e potrà sfruttare un portafoglio clienti decisamente più ampio ai quali potranno proporre prodotti sempre più avanzati.

L'offerta rimarrà valida fino al 24 marzo 2017 e, benché risulti chiaro l'interesse da entrambe le parti, tale fusione sarà soggetta all'approvazione da parte delle autorità preposte alla regolamentazione ed al controllo della correttezza di tali operazioni.

Quest'ultimo tentativo di espansione da parte di Nokia avviene a distanza di qualche mese dal completamento dell'acquisizione di Alcatel-Lucent, iniziata circa un anno fa, e successivo anche alla pubblicazione dei risultati finanziari riferiti al quarto trimestre del 2016, che confermano un anno difficile e di transizione per l'intera Azienda.

Poca spesa per massima resa? Meizu m3, compralo al miglior prezzo da Amazon Marketplace a 162 euro.

19

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
giangio87

Ma dipende... le schede logiche mica le ingegnerizzano le aziende che commettono un dispositivo, lasciano mano a chi fa quel lavoro.

nutci

HDblog...

k87

esattamente..oppure instagram,dropbox,linx (le fotocamere di iphone)...ce ne sono parecchie

nutci

Come ha fatto Elon Musk con paypal.

k87

parecchie startup infatti puntano a quello,a farsi a cquisire e poi campare di rendita..ma non è facile,bisogna avere un idea appetibile per qualche Big e sopratutto trovare i finanziamenti per iniziare

nutci

Non sarebbe intelligente capire cosa stuzzica i big e fare delle startup che avviino un progetto interessante con il solo scopo di farsi comprare?

k87

esattamente,si acquisiscono brevetti,metodi di produzione,strutture di ricerca..in alcuni casi anche i diritti di sfruttamento su minerali,oppure vengono fatte per entrare in un particolare tipo di mercato in uno Stato molto protezionista

Marco Revello

Fai anche il conto che a sviluppare in proprio, magari non arrivi alla soluzione ottimale. A comprare roba già in produzione paghi ma sai già per cosa spendi.

olè

ma magari more foxconn... e magari tornassero per lo meno, in europa le aziende...

olè

in genere sì e non è una cosa da poco, anzi, pensa all'acquisizione di motorola da parte di google, dai costi elevati ma se non ricordo male motorola aveva (penso abbia ancora) più di 11mila brevetti...

olè

ti sei risposto da solo, non tanto magari per i costi che in alcuni casi potrebbero anche essere sostenibili ma per il risparmio notevole di tempo.

CAIO MARI

Nel senso che anche molte componenti sono prodotte co-prodotte co-ingegnerizzate da Foxconn
Cosa che non succede con altre aziende che utilizzano Foxconn solo come assemblatrice

Chuck

dicendo forza Foxconn dici tutto e nulla, visto che realizza apprecchiature per Apple, Dell, HP, Microsoft, Motorola, Nintendo, Nokia, Sony, BlackBerry e Xiaomi.

Quindi inutile che ogni volta associate Foxconn soltanto a Nokia.

Kamgusta

Sviluppare un pacchetto software da 0 è un dispendio di costi e di tempo immane, a volte è addirittura improponibile

Paolo Giulio

Necessita personale ad hoc, competenze e funzionalità... se non le hai in "casa", ti fai 2 conti e, se c'è qualcuno che già propone quello che ti serve, lo compri.
Un' acquisizione può essere utile anche per entrare in certi mercati o per rilevare anche le rete di contatti e clienti in portafoglio.
Spesso compri anche brevetti e licenze che cmq nel tempo ti garantiscono utili.
PER ESEMPIO, dati dell'ultimo rendiconto Nokia, a tutt'oggi ogni anno, per i brevetti in campo telefonico, incassa 800 milioni di euro, pari al 30% dell'interezza delle royalties in quell'ambito...

nutci

Sviluppare un pacchetto software da 0 quali costi presenta, a parte gli stipendi e il tempo di chi deve svilupparlo?

Paolo Giulio

Qui a Nokia interessava il SW e la sua integrazione con le sue reti e servizi.
A volte costa meno comprare un "pacchetto" già pronto che cercare di svilupparne uno proprio da zero o quasi...

nutci

Questa cosa delle acquisizioni da parte dei big l'ho sempre capita poco.
L'acquisizione, visto che ogni big ha i suoi validi ingegneri, viene fatta solo perchè così si acquistano i diritti di particolari brevetti sviluppati dalle minor?

Paolo Giulio

Prima che partano post A CASO che parlano di telefoni... SAPPIATE che qui si parla di Nokia’s Applications & Analytics, branch legata alla parte RETI e HW di Nokia, il suo attuale UNICO interesse diretto...

Specifically, Nokia will be combining this with its own carrier solutions business, and will be aiming it at those carriers looking to “automate as much of their network and business operations as possible.” That includes customer services, self-optimization, management and orchestration. “Comptel would help with this objective by bringing catalogue-driven fulfilment and digital service lifecycle management, complex event processing, applications for customer engagement and service monetization; and emerging technologies for context-aware on-device commerce and IoT pattern detection,” Nokia said.

Senza farvi la traduzione integrale, si parla di servizi integrati funzionali alle ATTUALI competenze di Nokia...

E per chiudere ogni velleità

it’s perhaps one more nail in the coffin for those who might have wondered if Nokia had a plan to return to handsets up its sleeve.

ovvero: Inoltre, è forse un chiodo nella bara in più per tutti coloro che si fossero chiesti se Nokia avesse un asso nella manica per tornare nel mondo dei cellulari.

PACE... e forza Foxconn...

Sondaggio | Smartphone perfetto? Come dovrebbe essere per gli utenti di HDblog?

La rivoluzione della banda ultralarga in Italia con Open Fiber e Telecom #report

Come scegliere una microSD: guida all'acquisto #report #analisi

Sigaretta elettronica, tutto quello che c'è da sapere #report