Abbonamenti automatici sui cellulari: nuove regole in arrivo dal Garante

27 Gennaio 2015 49

A pochi giorni di distanza dalla multa ai gestori TLC per servizi a pagamento non richiesti da parte dell'Antitrust e alla class action rimborsi partita dal Codacons è partita la guerra dell'Autorità garante delle Comunicazioni (Agcom) contro le truffe causate dai servizi a sovrapprezzo su cellulare, che spesso sono la causa dell'aumento immotivato delle bollette di tantissimi italiani.

Grazie a Repubblica possiamo avere una anteprima della delibera che verrà pubblicata oggi e che consta di ben 72 pagine. Sono molte le misure che vendono indicate. La prima è che l'operatore potrà addebitare il costo del servizio solo se l'utente ha espresso "esplicito consenso" all'abbonamento.

Agcom inoltre indica in modo chiaro il modo in cui l'utente dovrebbe esplicitare il consenso: inserendo il proprio numero di telefono nella pagina stessa del servizio.

A oggi infatti l'utente viene abbonato con un clic sulla pagina del servizio senza dare alcun consenso informato o fare realmente un click su di una determinata selezione. Per questo la decisione di Agcom di permettere l'abbonamento solo se l'utente fa qualcosa che non può essere involontario, come l'inserimento del proprio numero. Agcom tutela cosi anche la pratica degli operatori che passano in automatico il nostro numero di telefono al fornitore del servizio (in questo modo può avvenire l'addebito) alla base della motivazione della recente multa.

Una seconda misura la ritroviamo nell'attivazione di sistemi più immediati di rimborso per gli utenti incappati in addebiti non richiesti.

"Sussiste la necessità, per i servizi a sovrapprezzo, di adottare procedure semplici e trasparenti di rimborso agli utenti, a complemento di quello autonomamente previsto dagli stessi operatori nell'ambito del Codice di Condotta per l'offerta di Servizi Premium (CASP 3.0) che, a tutt'oggi, non ha fatto diminuire il numero delle denunce che pervengono mensilmente in Autorità, né il contenzioso in materia, al fine della 'gestione ed eventuale rimborso senza rinvii ad altri soggetti' (art. 2.6.3 rubricato 'Azioni a tutela dell'utente finale in caso di contestazione') in caso di reclamo del contraente".

La terza misura è quella della "bolletta trasparente" che dovrà includere nuove informazioni, tra cui anche il dettaglio degli abbonamenti a sovrapprezzi. La delibera chiede una bolletta trasparente anche per i servizi di rete fissa, obbligando gli operatori a inserire nuovi dati come la banda minima garantita. Chiede inoltre di scrivere in modo chiaro il codice di migrazione (necessario per cambiare linea fissa). Gli operatori sarebbero già obbligati a indicarlo in bolletta, ma in molti casi svicolavano scrivendolo in modo poco trasparente, poco chiaro e nascosto.

"Anche alcuni operatori hanno segnalato che i loro concorrenti non pubblicano o non rendono disponibile o rendono poco trasparente o difficilmente individuabile il codice di migrazione", si legge in delibera. "Preso quindi atto che persistono forti resistenze alla messa in disponibilità del codice di migrazione, con modalità semplici, immediatamente individuabili e facilmente reperibili, pur in presenza dell'obbligo di cui alla delibera n. 23/09/CIR, si ritiene necessario un ulteriore intervento al riguardo, poiché, sia la comprensibilità, sia la facilità di individuazione delle informazioni indispensabili ad attivare la procedura di migrazione, costituiscono elementi fondamentali per garantire la più ampia libertà di azione dell'utente nel mercato, nel rispetto dell'art. 1, comma 3, della legge 2 aprile 2007, n. 40, e in coerenza con le disposizioni previste in materia dalla delibera n. 23/09/CIR e dal Codice".



Infine, Agcom chiede agli operatori di consentire agli utenti di disdire i contratti anche via mail (non certificata).

Tante norme che speriamo possano davvero essere applicazione. La delibera è comunque soggetta a modifiche, dato che va in consultazione pubblica per 60 giorni, prima di entrare in vigore.

Il più piccolo top gamma 2016 che accontenta tutti? Samsung Galaxy S7, compralo al miglior prezzo da Stockisti a 409 euro.

49

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
rosa

mi dici come?

Peppe

Addebitano sul credito telefonico

kharonte

il numero viene fornito dagli operatori,era una cosa risaputa che loro negavano spudoratamente ma nella multa che hanno preso è specificato che erano loro a fornirlo

kharonte

non ti avvisano tutti per sms,nel mio caso,ad esempio,l'abbonamento è partito di nascosto e prevedeva l'invio settimanali di mms da 5 euro vuoti che la tim si guardava bene dal farmi arrivare...

kharonte

è bello fare nuove regole identiche alle vecchie che nessuno ha mai rispettato...già adesso era previsto il consenso esplicito tramite dati personali e numero di telefono in più passaggi...eppure....

qandrav

ahahahah esatto come italia programmi che è/era stato bloccato perché qualcuno ha inserito i dati di napolitano XD

parabellum82

Ocio agli abbonamenti che partono in un attimo!

Roberto

per la miseria... mi ha fatto venire un colpo sta tipa... oltretutto nel web si trovano sue foto completamente nuda... super-shaved! O.o

Eruxaro

Ma se non si forniscono, da pc, codici bancari, postepay o simili, come possono addebitare qualcosa?

iclaudio

non si chiama mazzetta pizzo

mazzetta = si da in forma di soldi per farsi fare un favore a discapito di altri
pizzo = si da per avere protezione

Igor Mishin

Io ho avuto un problema del genere con Tim e ho chiamato un'operatrice gentilissima che in 2 minuti mi ha disattivato il servizio e acceso gratuitamente il filtro per la mia linea. forse sono stato fortunato.

dicolamia

Anche a me è successo su modem con sim tim, ma appena mi è arrivato il messaggio di attivazione ho chiamato il call center, con molta difficoltà, e mi sono fatto togliere il servizio, naturalmente sul fai da te del sito tu come utente non puoi farlo, poi mi sono fatto bloccare tutte le numerazioni con costi aggiunti

Filarono

Comunque che io sappia il barring Vodafone lo attiva gratis

ErCipolla

Si si, quello che non capivo era come fanno dal web a conoscere il tuo numero, non essendoci un'api web per ottenerlo. Come ha risposto un altro utente glielo forniscono i maledetti gestori a quanto pare.

a b

Telecom chiede 3 € al mese per darti "internet play" che è un modo per dire "ti diamo la linea con un ping bassissimo". Io credo che questa cosa dovrebbe darmela compresa nel prezzo invece chiede soldi...

theskig

M'è appena arrivato l'SMS d'oh!! :)

theskig

non andare a città del Vaticano allora :)

Paolo Giulio

... SOLO la donna più bella del pianeta... :D :D :D ...

L'Ovviatore

E' possibile incappare in tali abbonamenti anche da pc su alcune tipologie di contratti di linea fissa adsl.

L'Ovviatore

E' 1 euro al mese. Comunque nessun operatore (né fisso, né mobile) è tenuto a proteggerti da nulla se tale servizio non risulta compreso (ammesso poi che sia possibile applicarlo, poiché di virus talvolta non si tratta neppure quanto semmai di vulnerabilità nell'apparecchio che naviga). Se poi vengono rese illegali (e rimosse) le modalità con cui tali servizi abbonamento pescano la gente senza antivirus su pc o con device android (praticamente gli unici mobili vulnerabili a questo tipo di attacco) è un altro discorso.

Mimmo

Per correttezza dovremmo inviare tutti 5 euro a Iulian

pippolo

5€ solo per le poppe? Della Ratajkowski c'è molto di più...hem...fappening...hem

takaya todoroki

cioè in pratica "se non ci paghi 3 euro al mese, diamo il tuo numero a cani e porci e si facciamo addebitare cifre ben più sostanziose"?

Ma perchè al posto delle multe (che non sono mai abbastanza alte) non facciamo punizioni corporali a tutta la filiera di queste scorribande?
non so, 500 nerbate a testa

parabellum82

Toni ho provato e riprovato (TIM) anche via twitter ma nada...

squak9000

Ciecolo vizioso si chiama.... sti bavosì!

squak9000

Ma perchè non parlare dell'estorsione di VODAFONE con il servizio RETE SICURA?

Dove con (mi sembra) 3 euro al mese ti garantiva sicurezza contro questo tipo di attacchi?

Gli operatori TI DEVONO tutelare per diritto! Perchè sei un loro cliente!

Vodafone ti chiede la mazzetta.

Buffonì!

takaya todoroki

usano le intestazioni http, quelle che normalmente sono prodotte dal browser (quindi sotto il controllo totale del client), solo che i meschini le modificano al volo, quando arrivano all'ISP, prima di farle proseguire al destinatario che è il gestore del banner).
E' una truffa palese, per di più spifferano il tuo numero a cani e porci senza alcun consenso esplicito.

takaya todoroki

Sei ottimista a cantare vittoria e parlare al passato.
Comunque la ragione per cui succede è che gli operatori pagano le tasse su queste 'truffe', quindi lo stato chiude un occhio. Se si tenessero il malloppo tutto per loro verrebbero istantaneamente bloccati.

IulianPeride

devo star male...ho cercato la tizia su google per vedere le poppe ;))

baldanx

Personalmente per quanto apprezzi la notizia trovo assolutamente scandaloso che in un paese civilizzato nel 21° secolo una truffa legalizzata come questa si sia potuta tirare avanti nel silenzio più assoluto per tutto questo tempo mentre gli organi atti a tutelare il consumatore si grattavano la pancia. Sono quelle cose che ti fanno venir voglia di menare le mani

baldanx

Entri su un sito clicchi su la pubblicità sbagliata (e navigando in user agent mobile può succedere che ci clicchi mentre punti alla X per chiuderla) e ti decurtano 5 euro (quando va bene) sulla bolletta/ricaricabile senza possibilità nè di rimporso nè di disattivazione di questo simpatico giochino.....almeno hanno la cura di avvisarti per SMS così almeno disattivi l'abbonamento in mezzo secondo. E' capitato anche a me 5/6 mesi fa

MARIOZ®

e' da sempre così... come i governi italiani con i poteri forti...

Wandroid

Non ti è andato male dai ... Ad altre persone è andato molto peggio XD

modhdblog

Siamo indipendenti.
Partner con il messaggero per alcune cose ma assolutamente indipendenti ;)

ErCipolla

Ah, mi pareva, quindi è tutta una parkulata degli operatori telefonici che sono in combutta con i fornitori dei servizi e gli forniscono il numero... essendo in italia avrei dovuto immaginarlo -_-

Denaz

Copio: "Agcom tutela cosi anche la pratica degli operatori che passano in automatico il nostro numero di telefono al fornitore del servizio (in questo modo può avvenire l'addebito) alla base della motivazione della recente multa.".
Questa estate è successo anche a me, fra l'altro l'addebito l'ho trovato su una sim solo dati inserita in un modem 3g tim utilizzata per navigare da un notebook. Quindi, non so come e non so perchè (e da 15 anni lavoro in campo informatico, non nel senso che vendo DVD vergini al MW), ma mi sembra di "intuire" che è stato proprio Enrico Tim ad attivarmi il servizio. Stranamente d'estate. Stranamente in una sim solo dati, e flat, quindi di cui non si controlla il credito in maniera regolare.

Fabrizio Malato

L'attivazione di questi servizi accade esclusivamente quando si utilizza la rete mobile. Sotto WiFi il problema non sussiste.
Questo significa che gli operatori trasmettono (non conosco i dettagli tecnici) il numero di telefono in qualche modo, ed è questo il modo in cui questi ADs riescono a recuperare il numero.

iclaudio

agcom non ha piani alti...non ha piani,non ha palazzi,non ha nessuno...è una sigla ciucciasoldi che fa credere al cittadino una probabile giustizia

ErCipolla

A me c'è ancora una cosa che sfugge a livello tecnico però.

Leggo decine di commenti sui forum (vedasi precedente articolo di hdblog) di gente a cui sono stati attivati servizi a pagamento in maniera "automatica" semplicemente "navigando su internet".

Ora, mi spiegate come una pagina web possa ottenere il vostro numero di telefono se non glielo fornite voi? Non so gli altri sistemi, ma parlando di Android non mi risulta ci sia un'api html per ottenere questa informazione, e anche se ci fosse ne Chrome ne il browser stock hanno il permesso "Lettura stato e identità del telefono" quindi non vedo come semplicemente "navigando su internet" si possa rimanere fregati.

Premettendo che è giusto che si ponga un freno a questi servizi inutili in abbonamento secondo me tra chi è stato beccato ci sono tanti boccaloni che hanno inserito il proprio numero volontariamente, sperando di accedere al contenuto di turno, fossero tette o suonerie o quant'altro.

Wallace

Qualcuno ai piani alti dell'Agcom deve esserci cascato come un allocco e ora scatena la sua ira funesta !

Giardiniere Willy

5€ per due poppe è un prezzo stracciato! Su che strada era?

JLHooker

Sti azzi! Non la conoscevo...è N O T E V O L E *_____*

Tonino

Il rimborso va chiesto al tuo operatore, io l'ho fatto per conto di almeno 3 persone e le ho aiutate a riavere la cifra addebitata. Ciao

qandrav

strano che facciano una cosa per noi cittadini...

sergio mostarda

effettivamente ha delle poppe notevoli...

Emanuele Darko

Seriamente. Anche se tutte queste cose sarebbero dovute essere "scontate", ma se fino ad ora si sono divertiti, mo si attaccano questi venditori di servizi inutili, o meglio, truffatori a tutti gli effetti (una volta cliccando per sbaglio su un banner mi fecero fuori l'intera ricarica da 10 euro appena fatta).

domi

questo e' un buon esempio di settore pubblico al servizio dei cittadini di contro ad un settore privato semplicemente vergognoso,ci vorrebbe un provvedimento simile di trasparenza anche per banche, assicurazioni ,energia,etc etc..cmq ben fatto! grazie

parabellum82

La settimana scorsa le poppe della Ratajkowski mi sono costate 5 euro di abbonamento a tradimento...
Fortuna che poi Adelina dall'Albania mi ha disattivato il servizio. Ed è inutile che chiediate il rimborso.

Wallace

92 MINUTI DI APPLAUSI !!!

Sondaggio | Smartphone perfetto? Come dovrebbe essere per gli utenti di HDblog?

La rivoluzione della banda ultralarga in Italia con Open Fiber e Telecom #report

Come scegliere una microSD: guida all'acquisto #report #analisi

Sigaretta elettronica, tutto quello che c'è da sapere #report