Produrre Asus Taichi costa circa 900$, e il prezzo finale?

13 Giugno 2012


Il Computex 2012 di Taipei si è concluso ormai da qualche giorno, un evento particolarmente ricco di nuovi prodotti vista la vicinanza con il debutto ufficiale di Windows 8 che aprirà le vendite in tutti i segmenti: notebook, tablet e ibridi. Parlando proprio di quest'ultima categoria non possiamo che parlare di Asus Taichi, sicuramente tra i dispositivi che hanno attirato a se maggiore curiosità grazie ad un design davvero unico e due display IPS che garantiscono una doppia operatività.

Alcuni hanno storto il naso pensando immediatamente all'eccessivo dispendio di energia ed una possibile autonomia penalizzata, altri hanno gridato al miracolo rivendendo in Taichi la soluzione finale che regala in un unica scocca un ultrabook ed un tablet, senza doversi affidare a docking e tastiere esterne. La domanda che ci poniamo a questo punto riguarda il prezzo, sicuramente molto alto considerando un costo di produzione che è stato calcolato in 900$.

Una cifra facilmente spiegabile considerando i componenti già noti. Lo stesso vice presidente di Asus Hsu Hsien Yueh ha rivelato al Computex che la tecnlogia touchscreen (ovvero i due display IPS) e il design costano da soli 300$, un terzo del totale al quale vanno aggiunti circa 230$ per il chipset con CPU Intel Core i7. La relativa scheda madre necessiterebbe, in caso sia questa la configurazione, di altri 50-60$ mentre la batteria a 6 celle porterebbe altri 40$ al conto finale.

Lo chassis da ultrabook si paga e si può valutare in questo caso in circa 80$, comprese alcune parti interne. Considerato lo spessore ci aspetteremmo di avere un drive SSD di modeste dimensioni (110$). Infine bisogna considerare i 90$ della licenza Windows 8, per un totale di 900$ (720€ al cambio attuale). Considerato un probabile ricarico del 30-50%, potremmo aspettarci un prodotto finale che difficilmente verrà proposto al di sotto dei 1500$ (o 1500€ ?), tenendo presente che anche i costi di sviluppo, promozione e commercializzazione non sono stati considerati in questo rapido conto. Una cifra che, tutto sommato, potrebbe comunque soddisfare considerata la fascia dei consumatori alla quale sarebbe indirizzata. E voi, lo comprereste a questi prezzi?

Digitimes | Notebookitalia

Condividi


Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.

ARM accelera sui 64-bit, forte richiesta per smartphone Android

Pono Music raggiunge l'obiettivo e raccoglie 6.2 milioni di dollari

FitiBit Force con piccolo ed utile display | La prova da HDblog

277 milioni di smartphone venduti nei primi tre mesi del 2014