Pixel Qi già su oltre 12 dispositivi, display ad altissima risoluzione in sviluppo

04 Aprile 2012


Una delle migliori tecnologie per LCD fino ad ora sviluppate appartiene senza dubbio alla Pixel Qi, azienda che è tornata a far parlare di se tramite la stessa fondatrice Mary Lou Jepsen che nelle pagine del suo blog ha aggiornato la situazione nella distribuzione dei tanto apprezzati display.

Nei mesi scorsi abbiamo seguito molto il debutto dei concorrenti Mirasol sviluppati da Qualcomm, che necessitano un deciso taglio dei prezzi e miglioramento della resa cromatica per raggiungere veri traguardi. Pixel Qi è ovviamente in vantaggio perchè esiste da più tempo e ha avuto la possibilità di stringere accordi ed avere adottati i propri display, ad oggi, su 12 diversi dispositivi consumer.

La Jepsen ha tenuto a precisare che questo periodo di apparente sparizione dell'azienda è dovuta solo ed esclusivamente ad una importante fornitura di display Qi per device militari, che gradiranno di certo la possibilità di leggere tranquillamente sul display anche sotto la luce diretta del sole, forte limite della maggior parte dei comuni LCD a colori oggi in commercio.

Dopo aver fatto affari con il settore militare, l'attenzione torna dunque sui prodotti consumer con due nuovi dispositivi in arrivo dotati di tecnologia Pixel Qi, parliamo del tablet rugged di Orchard e lo ZTE Light II (già in vendita su alcuni mercati). Il futuro sembra regalerà altre importanti sorprese dall'azienda che ha in lavorazione un nuovo display ad altissima risoluzione e bassissimi consumi, che sia un retina?

via | source

Condividi


Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.

Pono Music raggiunge l'obiettivo e raccoglie 6.2 milioni di dollari

FitiBit Force con piccolo ed utile display | La prova da HDblog

277 milioni di smartphone venduti nei primi tre mesi del 2014

App Store vs Play Store (Q1 2014): Google leader nei download ma Apple genera più introiti